Plusvalenze fittizie, deferite Cesena e Chievo Verona: per i romagnoli è il colpo di grazia?

Altra mazzata per il Cesena, ormai sull’orlo del fallimento e di una crisi di nervi. Il club romagnolo è stato deferito dalla Procura Federale, assieme al Chievo Verona, “per aver sottoscritto le variazioni di tesseramento di alcuni calciatori indicando un corrispettivo superiore al reale e per aver contabilizzato nei bilanci plusvalenze fittizie e immobilizzazioni immateriali di valore superiore al massimo dalle norme che regolano i bilanci delle società di capitali, condotte finalizzate a far apparire un patrimonio netto superiore a quello esistente alla fine di ciascun esercizio e ciascun semestre così da ottenere la Licenza Nazionale e l’iscrizione al campionato delle stagioni 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018 in assenza dei requisiti previsti dalla normativa federale”.

Le due società sono state deferite a titolo di responsabilità diretta ed oggettiva, i due presidenti Luca Campedelli (Chievo) e Giorgio Lugaresi (Cesena) e altri diciotto dirigenti delle due società a titolo di responsabilità diretta. 

I due club potrebbero rischiare punti di penalizzazione in classifica o scamparla con una pesante ammenda e per il Cesena, già afflitto da 73 milioni di euro di debiti, sarebbe la stangata finale. 

 
 
 

Ultimi Articoli

Altavilla Irpina

Covid, 16 positivi ad Avellino. Preoccupa ancora Cervinara

16 Novembre 2021 0

Percentuale di positività ancora alta in Irpinia. 5,7% nella giornata di oggi. L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 764 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 44 persone: – 2, residenti nel comune di Altavilla Irpina;– […]

Attualità

Benvenuto, Angelo

16 Novembre 2021 0

Era nato ad agosto presso l’ospedale Moscati di Avellino dopo sole 24 settimane di gestazione e il suo peso era di soli 600 grammi. Ma Angelo ha dimostrato sin dalla scorsa estate che la sua […]

Cronaca

Solofra, in fiamme l’auto del presidente del Consiglio

16 Novembre 2021 0

Si è vissuta una notte di paura a Solofra, a causa dell’incendio della vettura di proprietà di Francesco Filodemo, presidente del Consiglio comunale della città. L’incendio ha distrutto la vettura, provocando il danneggiamento di altre […]