Lega Pro, Picerno e Bitonto condannate alla Serie D: respinti i ricorsi, Foggia in C

La Corte d’Appello Federale ha respinto i ricorsi presentati dal Picerno e dal Bitonto contro la sentenza del Tribunale Federale Nazionale, confermando la Serie D per i due club, puniti per la combine organizzata e portata a termine, secondo l’accusa, per favorire la promozione dei lucani in Lega Pro, al termine della stagione 2018-2019.

Il Picerno è retrocesso all’ultimo posto della classifica dell’ultimo campionato di terza Serie.

Il Bitonto, penalizzato di 5 punti, resta in Serie D, scavalcato in classifica dal Foggia ora guidato da Eziolino Capuano, prossimo al ripescaggio in Lega Pro.

Bisceglie, Rende, Pianese e Arzignano si giocano lo slot lasciato libero dal Picerno (Bisceglie favorito).

Ultimi Articoli

Top News

Costruzioni, ad agosto produzione +12,9% su mese

20 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto 2020 si stima che su base mensile l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 12,9%, confermando la tendenza positiva iniziata da maggio, dopo le flessioni registrate nei mesi precedenti a causa del lockdown.Nella media del trimestre giugno – agosto 2020, l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni mostra una crescita […]

[…]

Top News

Giro2020, Gaviria positivo al Covid-19 e asintomatico

20 Ottobre 2020 0
UDINE (ITALPRESS) – Sottoposto ieri, giorno di riposo del Giro d’Italia, a un test PCR, il 26enne velocista colombiano dell’Uae Team Emirates Fernando Gaviria è risultato positivo al Covid-19. Tutti gli altri ciclisti e membri dello staff del team hanno ricevuto un esito negativo e proseguiranno oggi la Corsa Rosa. Lo staff sanitario della squadra […]

[…]

Top News

Camorra, operazione contro clan “Cifrone” con 23 arresti

20 Ottobre 2020 0
NAPOLI (ITALPRESS) – I carabinieri di Napoli hanno eseguito misure cautelari nei confronti di esponenti del clan “Cifrone”, operante nei quartieri a nord di Napoli. Ventitre le persone accusate di “associazione di tipo mafioso”, “associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti”, “estorsione”, “minaccia”, “detenzione e porto di armi e munizioni”, tutti reati aggravati dal […]

[…]