L’Avellino prepara la sfida con il Novara: alla ricerca dei primi punti in trasferta

Il Novellino di Walter Novellino nell’ultimo turno di Serie B, valido come anticipi per la quinta giornata, ha pareggiato per 1 a 1 contro il Venezia di Pippo Inzaghi, un pareggio raggiunto con il cuore nei minuti finali del match e che ha permesso alla squadra campana di mantenere la propria imbattibilità casalinga.

L’attenzione adesso è però rivolta verso il prossimo match che si disputerà al Silvio Piola di Novara, una partita dove i biancoverdi cercheranno di conquistare i loro primi punti in trasferta. Quest’anno l’Avellino non è infatti riuscito a conquistare nemmeno un punto (anche se parliamo soltanto di due partite) lontano dal Partenio Adriano Lombardi, perdendo per 3 a 1 sia in casa della neopromossa Cremonese sia in casa del Cesena. Due risultati che fanno pensare molto al tecnico Novellino, sicuramente per raggiungere gli obiettivi stagionali (salvezza in primis) servirà iniziare a far punti anche lontano da casa. Il problema dei punti in trasferta non è però nuovo in casa dei Lupi, anche la scorsa stagione l’Avellino di mister Novellino ha infatti faticato molto fuori casa, conquistando soltanto 15 punti (3 vittorie e 6 pareggi).

L’obiettivo principale dei Lupi è quello di raggiungere il prima possibile una tranquilla salvezza, per poi magari puntare più in alto, con un traguardo con vista playoff che non è mal visto anche dalle quotazioni dei siti di scommesse online. Infatti sono in molti a sperare in un piccolo cambio di marcia, un cambio che dovrà avvenire il prima possibile. Soprattutto per il reparto offensivo, con Ardemagni e Castaldo (attualmente entrambi fermi a 3 reti)  tra i più favoriti per andare in rete e competere magari per la classifica capocannonieri.

Nonostante il mal di trasferta il tecnico Walter Novellino è fiducioso verso il futuro, la squadra infatti già questo weekend ha la possibilità di cancellare quello zero fuori casa, anche se la sfida contro il Novara di mister Eugenio Corini non è da prendere sotto gamba. La Serie B come ogni anno si rivela un campionato difficile, nella partita contro il Venezia il mister ha fatto ruotare la squadra, effettuando il c.d turnover. Una mossa considerata da molti azzardata ma certamente non per il mister che al termine della partita ha dichiarato di avere 22 titolari e che quando ci sono troppe partite ravvicinate qualcuno deve riposare, in modo tale da far scendere sempre in campo chi è al meglio della condizione e può dare il massimo per i Lupi stessi.

Ultimi Articoli

Top News

Manchester City in finale di Champions, 2-0 al Psg

4 Maggio 2021 0
MANCHESTER (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Guardiola esulta: il Manchester City è la prima finalista della Champions League. In Inghilterra i Citizens chiudono la pratica Psg aggiudicandosi anche la semifinale di ritorno per 2-0 grazie a uno scatenato Mahrez. Sotto gli occhi tristi della stella Mbappè, in panchina a causa dei noti problemi fisici accusati negli ultimi […]

[…]

Top News

In tempo di Covid +77% reati online contro minori

4 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La pandemia ha investito le vite di tutti noi, ci ha cambiato profondamente in un tempo brevissimo. I bambini hanno subito uno stravolgimento del loro mondo: sono stati tutti obbligati ad avvicinarsi alle nuove tecnologie per poter seguire l’attività scolastica, mantenere i rapporti con i compagni, poter sentire vicini i nonni. Il […]

[…]

Top News

Franceschini “La cultura sta ripartendo in sicurezza”

4 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La cultura sta ripartendo e la sfida è dimostrare che si può usufruire di arte, di cinema e di spettacolo anche con misure di sicurezza scrupolose, come è doveroso. Questo sta avvenendo nella riapertura delle mostre, dei musei, dei cinema e dei teatri: è la sfida dei prossimi mesi e penso che […]

[…]

Top News

Visco “Clima e pandemia problemi globali, serve cooperazione”

4 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il cambiamento climatico e la pandemia sono i problemi globali più importanti dei nostri tempi. I due fenomeni sono correlati, in quanto molte delle cause profonde del cambiamento climatico, come la deforestazione e la perdita di habitat, aumentando le possibilità di contatto tra le persone e la fauna, amplificano anche il rischio […]

[…]