Kick off, a Coverciano si ragiona di calcio

Undici tavoli tematici e 280 partecipanti per la quarta edizione di ‘KickOff’, l’evento organizzato dalla Figc al centro tecnico di Coverciano dedicato al futuro del calcio e dello sporti. “Le istituzioni camminano sulle gambe delle persone“, questo il titolo della manifestazione.
Presente, tra gli ospiti, l’ad di Eni Claudio Descalziche, intervistato, ha detto: “Ho fiducia in Roberto Mancini e nella Nazionale; l’Italia è tutta con la Nazionale. Voglio dire, se dopo la disfatta con la Corea vincemmo gli Europei?”. Presente anche il regista Enrico Vanzina, che, a margine dei lavori,ha parlato della ”sua” squadra, la Roma. “L’annata è stata ottima – ha detto – Di Francesco è stato un bravissimo allenatore, in una squadra difficile da governare, con un’eredità difficile da gestire. Lui è stato bravissimo peccato che la squadra non si è resa conto di essere forse la più forte che c’era in Italia quest’anno“.
Domani, sempre a Coverciano, sono attesi Roberto Mancini, Alessandro Costacurta, Giancarlo De Sisti, Fino Fini, Gabriele Oriali e Nicola Rizzoli per una discussione sugli ultimi 60 anni di calcio.
Presente anche il presidente della Lega B Mauro Balata che a margine dell’incontro ha parlato del campionato di B appena concluso, di seconde squadre e di Var: ‘Il campionato di Serie B è sempre più vicino alla Serie A. Non soltanto perché i numeri degli sportivi che la seguono sono cresciuti esponenzialmente negli ultimi anni, ma anche perché si cerca di imitare il massimo campionato in tutto e per tutto. Dopo aver chiesto di adeguarsi alle date di calciomercato della Serie A (finirà a fine agosto) ed aver avuto la panchina lunga come il massimo campionato, la Serie B è pronta ad imitare la Serie A anche nell’innovazione, grazie soprattutto alla spinta del Presidente Balata che vuole il Var.
Balata ha parlato a margine dell’evento ‘KickOff’ a Coverciano, spiegando che le è piaciuto molto il campionato di Serie B quest’anno.
Il Presidente ha spiegato anche che nell’Assemblea straordinaria indetta per lunedì 20 maggio, si parlerà approfonditamente della questione seconde squadre. Balata ha spiegato “Da noi è complicato parlare di seconde squadre, inserendole verrebbero meno delle fette di territorio. I nostri tifosi non la prenderebbero bene”. Poi si è soffermato sulla battaglia per il Var: “Sapete che ce l’ho nel DNA, penso che sia uno strumento che faccia giustizia.[…] In modo oggettivo determina le decisioni sul campo, ma c’è un percorso da fare per la preparazione della classe arbitrale e all’interno delle Società per capire l’impatto economico. In futuro, però, lo faremo. Spero presto, ma lavoriamo in questo senso.” Accantonata l’idea che era stata vociferata qualche settimana addietro e che voleva il Var già per i play off di Serie B, la speranza per molti sportivi è che almeno il Var sia disponibile all’inizio del prossimo campionato, previsto per fine agosto.
Con le grandi piazze arrivate quest’anno in cadetteria, si attende davvero un’impennata nei numeri sia allo stadio che negli ascolti. Piazza come Hellas Verona, Benevento, Lecce, Livorno e Padova porteranno numeri assolutamente importanti per la categoria.
Il fatto che sia enormemente cresciuto il prezzo per l’acquisto dei diritti televisivi della Serie B non è assolutamente dovuto al caso. Nel triennio scorso, la Serie B costava circa 62 milioni, stavolta il costo supera i 181 milioni. Nessuna emittente ha presentato un’offerta superiore a quella richiesta dalla Lega B e al momento sono iniziate le trattative private per trovare un accordo.
Sono sette le emittenti che hanno manifestato interesse. Due sono gruppi che operano sul web: la Eleven Sports che già trasmette le gare di Serie C e Perform Sports Content & Media. Quattro sono emittenti televisive con licenza di trasmissioni quali Eurosport, Fox Networks Group, RTI – Reti Televisive Italiane e SKY Italia. Infine anche l’intermediario spagnolo Mediapro, che si è già assicurato i diritti per la Serie A’.

Ultimi Articoli

Top News

Mattarella “Addolora la violenza che ostacola la ripresa”

18 Ottobre 2021 0
PISA (ITALPRESS) – “Sorprende e addolora che proprio oggi vediamo una ripresa, e non quando vi erano momenti con l’orizzonte oscuro, quando si temeva il crollo del Paese, proprio adesso esplodono fenomeni, iniziative e atti di violenza e di aggressiva contestazione. Quasi a volere ostacolare la ripresa che il Paese sta vivendo e che deve […]

[…]

Top News

McDonald’s con Ghali per raccontare come cambia il Big Mac

18 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – McDonald’s lancia il nuovo modo di preparare i panini, e con l’occasione annuncia una nuova collaborazione con Ghali, uno dei volti italiani testimoni dei valori dello stare insieme, dell’inclusione e della multiculturalità.Quella con Ghali si inserisce nella scia delle collaborazioni internazionali portate avanti da McDonald’s in altri Paesi con artisti come Travis […]

[…]

Top News

Dal Pino “Stato non ha a cuore calcio, daspo a vita ai razzisti”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – E’ una ferita aperta, anche se ancora in tempo per essere guarita. “E’ difficile comprendere come uno stato non abbia a cuore settore che ha versato oltre 14 miliardi di contribuzioni”. Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A e vice-presidente vicario della Figc, non nasconde la delusione cocente per il decreto […]

[…]

Top News

Urne aperte per i ballottaggi alle 7, affluenza in calo

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Si e’ fermata al 33,34% l’affluenza nel primo giorno dei ballottaggi nei 65 Comuni chiamati al voto, secondo la rilevazione delle 23 di ieri del Viminale. I seggi hanno riaperto alle 7 e si votera’ fino alle ore 15. Subito dopo avverra’ lo spoglio delle schede. L’appuntamento elettorale coinvolge circa 5 milioni […]

[…]

Top News

Green Pass, Toti “Giusto manifestare, no bloccare chi vuole lavorare”

18 Ottobre 2021 0
GENOVA (ITALPRESS) – “Ho parlato con il Ministro dell’Interno, con il prefetto e il questore di Genova oggi. Il punto è che le proteste sono assolutamente legittime, ma la maggioranza del Paese si è espressa chiaramente a favore di un’Italia che riparte. E non sarebbe tollerabile allora che i porti diventassero la frontiera ostaggio di […]

[…]