Giornata da amarcord per 8 allenatori, Empoli-Carpi si decide in avvio?

Le curiosità sulla diciottesima giornata della Serie B ConTe.it, caratterizzata dall’amarcord di molti allenatori, impegnati contro il loro passato, segnalate da Football Data:
140 Le panchine a Novara per Attilio Tesser, che ha centrato con i piemontesi la doppia promozione consecutiva dalla Lega Pro alla Serie A (2009/10 e 2010/11). Il suo bilancio è stato di 55 vittorie, 48 pareggi e 37 sconfitte. Da avversario non ha mai vinto al “Piola”: 4 incroci, con 2 pareggi ed altrettante sconfitte dei suoi club.
2 / 11 Pareggi opposti in Ternana Unicusano–Parma. I rossoverdi sono da record (11 in 17 partite), gli emiliani ne hanno fatti meno di tutti (2, come il Bari). Ritorno da ex per Roberto D’Aversa, giocatore rossoverde dal 2002/03 al 2003/04, con 68 presenze e 9 gol in match ufficiali con le “fere”.
21 Le panchine di Giovanni Stroppa con lo Spezia nella stagione 2013/14: per lui bilancio di 8 successi, 7 pareggi e 6 sconfitte.
7 Di fronte al “Castellani” le due squadre cadette 2017/18 che segnano di più nei primi 15’ di gioco: 7 marcature sia per l’Empoli che per il Carpi dal 1’ al 15’ di gioco, dopo 17 giornate.
11 Gli anni in cui Roberto Breda ha militato nella Salernitana, da giocatore prima e da allenatore poi. E’ lui il grande ex della partita dell’ “Arechi”, avendo giocato, da calciatore, nella società campana dall’ottobre 1993 al giugno 1999 (contribuendo alla promozione in Serie A del 1997/98) e dal 2003/04 al 2004/05 e per molti anni è stato il capitano; poi ha allenato i granata dal 2005/06 al 2006/07 (settore giovanile) e nel 2010/11, in I divisione.
17 Le presenze da giocatore con la divisa del Venezia per Gianluca Grassadonia, che giocò in Laguna nel 2003/04 in Serie B; il coach della Pro Vercelli sarà alla prima da tecnico avversario contro i lagunari.
1 Prima da ex per Alfredo Aglietti ad Ascoli: il coach della Virtus Entella ha allenato i marchigiani l’anno scorso, chiudendo con 43 panchine ufficiali e bilancio di 10 vittorie, 20 pareggi e 13 sconfitte. E’ prima da ex anche per Pasquale Marino a Frosinone: per lui 46 panchine ufficiali in giallazzurro con 22 vittorie, 12 pareggi e 12 sconfitte.
9 / 2 In Bari-Palermo di fronte la squadra più vittoriosa del torneo (9 volte i pugliesi, come il Parma) e quella che perde di meno (2 sole sconfitte per i siciliani, come per il Frosinone). Amarcord per Fabio Grosso che ha giocato con la maglia rosanero dal gennaio 2004 al giugno 2006, sommando 106 presenze e 2 gol in match ufficiali.
 

Ultimi Articoli

Top News

Anci, Sapienza e Hci insieme per formazione Health City Manager

20 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Formare una nuova figura professionale in grado di garantire la salute e il benessere nelle città in sinergia con le amministrazioni locali. L’Anci, la Sapienza e l’Health City Institute, con il sostegno del ministero per le Politiche giovanili, hanno firmato un protocollo d’intesa per l’istituzione di percorsi di formazione per la nuova […]

[…]

Top News

Coronavirus, 10.874 nuovi casi e 89 decessi

20 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 10.874 i casi di Coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, oltre 1.500 più di ieri quando erano stati 9.338. Superiore il numero di tamponi, 144.737 contro i 98.862 di ieri. E’ quanto riporta il bollettino del Ministero della Salute.89 i nuovi decessi, contro i 73 di ieri. Il totale dei […]

[…]

Top News

Tratnik vince per distacco a San Daniele del Friuli, Almeida rosa

20 Ottobre 2020 0
SAN DANIELE DEL FRIULI (ITALPRESS) – Jan Tratnik vince la sedicesima tappa del Giro d’Italia 2020 andata in scena da Udine a San Daniele del Friuli dopo 229 chilometri. La frazione di oggi, caratterizzata da un duro Gpm di seconda categoria sulla Madonnina del Domm prima di vari saliscendi che portano al traguardo, vede trionfare […]

[…]

Top News

Casasco “Assurdo aver bloccato l’attività giovanile nello sport”

20 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “E’ assolutamente non condivisibile e addirittura assurdo che l’Italia, su indicazione di parte del Cts, probabilmente non conoscendo l’organizzazione sportiva, sia salita sul podio dell’assurdo per aver bloccato esclusivamente tutta l’attività giovanile nello sport. Scuola e sport giovanile devono essere allineati. Abbiamo inventato il lockdown dello sport giovanile”. Maurizio Casasco, presidente della […]

[…]