Ghirelli: “Senza unione di intenti non si va avanti”

Il direttore della Lega Pro, Francesco Ghirelli è intervenuto a Non Solo Sport, programma sportivo di Radio Vaticana. Tra i temi che ha affrontato ampio spazio è stato dedicato al presente del calcio. “Non è più tempo di divisioni, ci vuole unione altrimenti il giocattolo è destinato a rompersi. Da un lato la crisi economica che fa si che non ci siano più le risorse per il calcio, poi c’è il rischio serio della disaffezione. Noi con Sportradar combattiamo la lotta contro la contraffazione visto che è fondamentale la credibilità del nostro mondo. I valori vanno messi subito in campo contro l’attacco criminale delle scommesse clandestine”. Sulle presenze allo stadio il direttore Ghirelli ha detto: “Registriamo per la Lega Pro interesse e partecipazione anche per come sono stati studiati quest’anno i gironi (nord-sud); abbiamo città incredibili per partecipazione, cosa che ha portato ad un incremento notevole ed a un interesse televisivo fortissimo. C’è attenzione, da un lato rappresentiamo la storia dei Comuni, la storia di Italia ed il campanile, dall’altro proviamo comunque a portare avanti le riforme necessarie”. Sulla gara di domani, Francesco Ghirelli ha spiegato il motivo che sta alla base del match: “Perché ci sono oltre 700 km di un muro che divide Palestina e Israele, una storia tragica e dolorosa, il pallone può rappresentare un dialogo per scalfire quel muro. Siamo stati nei giardini del Vaticano con la squadra palestinese, ragazzi davvero emozionati, per noi un’esperienza toccante ed incredibile”.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]