Gaetano Romano si sente già “messinese”

Gaetano Romano si sente già “messinese”

Oltre 200 presenze in Serie D e 116 reti all’attivo. È l’importante biglietto da visita di Gaetano Romano, detto il “Cobra”. L’ormai ex attaccante dell’Avellino è finito nel mirino dell’ACR Messina, pronto ad accostarlo al riconfermato Arturo Di Napoli per comporre un tandem di assoluto valore. Il suo trasferimento in riva allo Stretto dovrebbe essere definito nei prossimi giorni. “Con il direttore Ciccarone abbiamo già lavorato insieme. Ci siamo sentiti telefonicamente e mi ha parlato di questo progetto, ma dobbiamo ancora incontrarci, anche perché sono appena rientrato dalle vacanze” ha ammesso al www.messinasportiva.it il 36enne bomber nativo di Napoli. “Ho dato la mia disponibilità e non potrei che essere felice di un eventuale arrivo a Messina. D’altra parte una piazza come questa alletterebbe qualunque calciatore. Il Messina merita al più presto di venir fuori da queste categorie”.
Ventuno gol con l’Avellino nello scorso torneo, Romano non nasconde un velo di amarezza per la conclusione dell’esperienza con gli irpini. Il club campano ha già provveduto agli ingaggi di Scandurra, Vicentin e Panatteri, rivoluzionando totalmente il settore offensivo in vista del prossimo campionato. “C’era tutta la volontà da parte mia di restare ad Avellino. All’inizio della stagione non avevamo neanche le casacche e, anche grazie ai miei 21 gol, siamo arrivati sino alla finale playoff. Mi è dispiaciuto in particolare non aver ricevuto nessuna telefonata né dal direttore né dall’allenatore e di aver appreso della mancata riconferma soltanto dai giornali. C’era un rapporto splendido con la tifoseria e comunque resta un grande rispetto reciproco con tutti. Ma il calcio è questo”.
Tra il 1996 ed il 1998 Romano ha militato in C con le maglie di Casertana e Casarano, per poi approdare in D al Locri. Quindi Sangiuseppese e Gladiator. Con quest’ultima, nel 2002, ottiene la promozione in C2 e, mettendo a segno 35 reti in due campionati tra le file del club di Santa Maria Capua Vetere, vive un particolare periodo di grazia. Riparte nel 2003 dal Benevento in C1, a seguire Palmese e due stagioni alla Paganese (37 gol in D). Siracusa e Barletta le successive tappe, prima di ritornare in quarta serie con Aversa Normanna e Manfredonia. Ad Avellino la sua annata più prolifica, con 21 gol all’attivo, uno realizzato su calcio di rigore, procurato e trasformato, contro il Messina al “San Filippo”. Quello che presto potrebbe divenire il suo nuovo stadio.

Ultimi Articoli

Top News

Renzi “Il coprifuoco va tolto, non serve più”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il coprifuoco va tolto perchè non serve più, perchè ogni giorno mezzo milione di persone si vaccina a fronte di 10mila contagiati. Va tolto del tutto. Se va ancora tenuto, direi al limite fino a mezzanotte”. A dirlo il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a “Dritto e Rovescio” su Rete4.“Ora la […]

[…]

Top News

Giustizia, Salvini “Raccoglieremo firme con i radicali per referendum”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Questo Parlamento con Pd e 5Stelle non farà mai una riforma della giustizia. Per questo stiamo organizzando con il Partito Radicale una raccolta di firme per alcuni questiti referendari”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini nel corso della registrazione di Porta a Porta.La mia posizione sul coprifuoco? “Penso che si […]

[…]

Top News

Giochi, Schiavolin (Snaitech) “Sostenibilità driver di innovazione”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Salutiamo con grande favore i numerosi messaggi di approvazione che ci sono pervenuti a vario titolo per l’adesione di Snaitech all’United Nations Global Compact, la più grande iniziativa a livello mondiale per la sostenibilità del business. Si tratta di un importante progetto che rappresenta solo una parte dell’impegno che da anni ci […]

[…]

Top News

Spari contro peschereccio italiano in Libia, ferito il comandante

6 Maggio 2021 0
MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) (ITALPRESS) – Il comandante del peschereccio Aliseo della marineria di Mazara del Vallo, Giuseppe Giacalone, è stato ferito da colpi di arma da fuoco esplosi dalla Guardia costiera libica al largo delle coste di Misurata. Una raffica di spari ha colpito il comandante che adesso è ferito, in condizioni ancora da […]

[…]