Castaldo trascinatore nel momento clou. Curva da applausi

Sorriso a 32 denti e le braccia larghe davanti ai tifosi.  L’immagine di capitan D’Angelo e di Castaldo con la Curva alle loro spalle è eloquente.  Una gioia grande per il bomber, per quel giocatore che ha il peso della numero 10 sulle spalle: per l’attaccante che nella breve era Foscarini è stato decisivo regalando 10 punti ai biancoverdi. La doppietta con il Perugia, il gol di Ascoli, le reti contro Spezia e Ternana. Simboli della salvezza, insieme ad una tifoseria che nel momento clou,  nella parte più importante del torneo si è saputa stringere intorno alla propria squadra. A quella maglia che ha regalato gioie immense. Perchè i duemila di Terni hanno fatto si che l’Avellino giocasse in casa. Bisogna ripartire dal bomber, ma anche da una tifoseria che se ritrova lo smalto di un passato più o meno recente può essere determinante. 

Ultimi Articoli

Attualità

Scuola: il Tar sospende l’ordinanza di De Luca

10 Gennaio 2022 0

Il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale la Regione Campania ha disposto la didattica a distanza fino al 29 gennaio in tutte le scuole dell’infanzia, elementari e medie del territorio per criticità legate alla […]

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]