Calcioscommesse Genoa: cambia il difensore di Izzo per l’appello

Come si dice da queste parti: Giorgio se ne vuole andare e il Vescovo lo vuole cacciare. E’ un po’ la storia tra il Genoa e l’avvocato Antonio De Renzis, che difendeva il calciatore Armando Izzo, squalificato per 18 mesi (rispetto alla richiesta della Procura Federale di 6 anni e 20mila euro di ammenda) per un filone della vicenda calcio scommesse. Chi ha seguito direttamente il processo sa che, appena conclusa l’udienza, c’è stata una telefonata tra l’avvocato e il presidente Preziosi il cui tono lasciava presagire una interruzione del rapporto tra le parti. Quindi chi sia stato per primo a decidere ufficialmente di troncare, interessa poco. Ora il Genoa affiderà la difesa di Armando Izzo all’avvocato Grassani di Bologna che presenterà il ricorso per ottenere una sanzione disciplinare minore rispetto a quella di 18 mesi inflitta al calciatore in prima istanza con la sentenza che sicuramente sarà riformata ed Izzo se la caverà – presumibilmente – con sei mesi, ovvero potrà tornare in campo il 12 ottobre 2017.

Questo il comunicato emesso dall’avvocato Antonio De Renzis: “Ho appreso da organi di stampa in data odierna che il signor Izzo, d’accodo con il dottor Zarbano, amministratore delegato del Genoa, ha inteso revocare il mio mandato difensivo – spiega il legale in una dichiarazione -. La revoca effettivamente mi è stata fatta, in data 12 aprile 2017, e mi è stata inviata il 13 aprile nel tardo pomeriggio ma, in realtà, in data 11 aprile avevo inviato comunicazione via mail seguita da messaggio telefonico al dottor Zarbano nella quale espressamente dicevo che a seguito di avvenimenti avvenuti venerdì 7 aprile e, cioè il giorno del processo, non ritenevo opportuno avere qualsivoglia ulteriore tipo di rapporto con la loro società. Ho cercato di anticipare questa decisione telefonicamente anche al signor Izzo ma dal giorno 8 aprile non sono riuscito a parlargli – conclude De Renzis -. Specifico che il 7 aprile si sono verificate divergenze insanabili con il Genoa relative al processo svolto. Credo che il risultato ottenuto si commenti da solo e ritengo altresì molto probabile che in sede di appello la squalifica possa essere notevolmente diminuita”.

Ultimi Articoli

Top News

Cambio al vertice di Edizione, Laghi sarà presidente

23 Novembre 2020 0
TREVISO (ITALPRESS) – Enrico Laghi sarà nominato amministratore e presidente del CdA di Edizione “con il mandato di supportare il consiglio nella prosecuzione e consolidamento di un percorso di rinnovamento e rafforzamento della strategia sociale”. Lo comunica Edizione srl in una nota in cui annuncia che, di “comune intesa”, Gianni Mion “cesserà dalle cariche di […]

[…]

Top News

Coronavirus, Speranza firma ordinanza “Stop agli allevamenti di visoni”

23 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza che dispone la sospensione delle attività degli allevamenti di visoni su tutto il territorio italiano fino alla fine del mese di febbraio 2021 quando verrà effettuata una nuova valutazione sullo stato epidemiologico.La misura aggiunge “l’infezione da SARS CoV-2 nei visoni d’allevamento all’elenco delle […]

[…]

Top News

Centrodestra, Salvini “Non è il momento di inutili divisioni”

23 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Gli italiani in questo momento si aspettano soluzioni e non polemiche e inutili divisioni. Sarebbe cosa buona federare e unire uomini e gruppi per fare proposte comuni”. Così Matteo Salvini a “The Breakfast Club” su Radio Capital torna sul rapporto con Berlusconi e sull’idea di una federazione di Centrodestra. Sui deputati passati […]

[…]

Top News

Mattarella “Serve impegno comune come per sisma in Irpinia”

23 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono trascorsi quarant’anni dall’immane tragedia provocata dal terremoto che devastò l’Irpinia e la Basilicata, colpendo anche parte della Puglia”. Lo afferma in una dichiarazione il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che aggiunge: “Quasi tremila persone morirono sotto le macerie delle proprie case, o in conseguenza delle distruzioni di edifici. Tante vite non […]

[…]