Calcio Ternana, il grosso peso di una retrocessione

Sesta retrocessione della storia dalla B alla C per la Ternana.

La sesta. È vero: non è che la Ternana ha sempre e solo giocato in B e in A. 30 campionati per la precisione, contro i 34 della C (o Terza Categoria) e i 17 della quarta categoria (a volte C2 a volte dilettanti). Possiamo dire che per storia la Ternana è più C che B? Dal fallimento del 1992 14 campionati di B e 12 di C (o dilettanti), quindi più B che C, e venendo dagli inferi.

Da allora le retrocessioni in C sono state due (2002 e 2006) più addirittura quella in C2 – sottolinea ternananews.it -. E non è che negli altri anni è andato tutto bene… tutto questo per dire cosa? Che retrocedere è stata un’impresa al contrario. Per retrocedere bisogna mettersi d’impegno. Soprattutto per retrocedere così.

Quello che non è stato chiaro in questa stagione è che la piazza rossoverde non ha bisogno di essere blandita. Ha bisogno di essere coinvolta, di lottare con la propria squadra. Questa squadra ha portato 15mila persone allo stadio in C2 e 3mila in serie B. Ha bisogno di identificarsi, ma essendo un animo operaio, quello ternano, non deve essere preso in giro.

È concreto il tifoso rossoverde. Come a tutti i tifosi piacerebbe veder giocare bene sempre la propria squadra, ma è nato pe’ tribola, lo sanno tutti. Si è rassegnato a questo ruolo, ma non si rassegna a perdere. 

Questa stagione in più di una circostanza la città, la tifoseria, ha provato a mettere in guardia il nuovo proprietario: a settembre per non puntare troppo in alto, ad ottobre a ridimensionare il fenomeno Pochesci, più mediatico che concreto, a novembre a riprendere in considerazione i giudizi su una squadra definita da playoff a più riprese da molti, a dicembre a riflettere seriamente sul cambio di allenatore, a gennaio a spendere sul mercato per avere più chanches, a febbraio di non prendere Mariani (esordiente) per sostituire un altro esordiente (Pochesci), ad aprile di non cullarsi troppo sulla vittoria del derby… tutto questo ha portato alla retrocessione. Tutto questo ha portato a dei risultati inguardabili, alla mancanza di equilibrio, alla peggior stagione sportiva immaginabile.

Ecco allora cosa bisogna fare oggi, perché le sconfitte nello sport vanno anche accettate. Bisogna reagire. Con quello spirito che Bandecchi ha sempre detto di avere. Investire per vincere subito la C e diventare una realtà del calcio italiano. Poche chiacchiere e tanti fatti. Unica strada.

Ultimi Articoli

Top News

Mattarella “Determinazione per la ripartenza, no a teorie antiscientifiche”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La ripartenza è una strada nuova. Dobbiamo percorrerla con determinazione e con speranza. Come è accaduto in altri momenti della nostra storia, quando nel dopoguerra la ricostruzione è cominciata dalle macerie, quando un nuovo modello sociale, più capace di benessere, di opportunità e diritti, è scaturito dal concorso di forze e di […]

[…]

Top News

Ictus, il fattore tempo decisivo per salvare vite

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Debolezza da un lato del corpo, bocca storta, difficoltà a parlare o comprendere (afasia), muovere con minor forza un braccio, una gamba o entrambi, vista sdoppiata o campo visivo ridotto, mal di testa violento e improvviso, insorgenza di uno stato confusionale, non riuscire a coordinare i movimenti nè stare in equilibrio: questi […]

[…]

Top News

Il “Dekra Road Safety Award 2021” al Politecnico di Milano

26 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – E’ stato assegnato al Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, il Premio Internazionale “Dekra Road Safety Award 2021” giunto alla quarta edizione. A ritirare il premio Marco Bocciolone, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica. Il riconoscimento, che valorizza le realtà italiane, aziende o figure professionali più attive e brillanti nell’ambito della […]

[…]

Top News

Primi 9 mesi 1,68 mln nuclei beneficiari reddito-pensione cittadinanza

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel periodo gennaio-settembre 2021, secondo i dati dell’Inps, i nuclei percettori di Reddito di Cittadinanza (RdC) sono stati oltre 1,52 milioni, mentre i percettori di Pensione di Cittadinanza (PdC) sono stati più di 160mila, per un totale di oltre 1,68 milioni di nuclei e quasi 3,8 milioni di persone coinvolte, per un […]

[…]

Top News

Sud, Draghi “I ritardi nella spesa una tassa sul futuro dei giovani”

26 Ottobre 2021 0
BARI (ITALPRESS) – “Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità. La responsabilità è del Governo, ma anche dei Comuni e degli altri enti territoriali.I ritardi nella spesa, che per troppo tempo hanno colpito il Mezzogiorno, sono un ostacolo […]

[…]