Calcio Ascoli, Cosmi: ”Ragazzi hanno avuto cuore ma questo risultato non deve lasciarci tranquilli”

L’allenatore dell’Ascoli Picchio Serse Cosmi ha parlato al microfono di Sky Sport al termine del match pareggiato contro la Virtus Entella al “Comunale” di Chiavari nell’andata dei playout di Serie B.

“Con Volpe abbiamo risolto tutto in poco tempo, ognuno di noi difendeva il proprio territorio, un po’ di concitazione per un palla non buttata fuori, ci sta in un playout, niente di assolutamente grave, poi abbiamo chiarito anche con l’arbitro – ha detto Cosmi -. Non era precluso nulla nè in caso di sconfitta per 1-0, nè in caso di nostra vittoria . E’ venuto fuori un pareggio che lascia esattamente le cose come stanno, non è questo un risultato che può e deve lasciarci tranquilli. Sappiamo tutti cosa ci serve per ottenere la salvezza ma se giovedì dovessimo giocare esclusivamente per pareggiare sarebbe un grandissimo problema. Mi è piaciuto il cuore dei ragazzi, hanno mostrato una generosità infinita, abbiamo tante assenze, tutte nello stesso reparto. abbiamo giocato con diversi 97 e 98 che hanno dimostrato una grande personalità anche per disputare questo tipo di partite. Kanoute? E’ un talento nella maniera di calciare e giocare a calcio, si sente dal rumore della palla quando esce dai suoi piedi. In alcuni frangenti di questa stagione ha cambiato le partite in positivo, col Brescia invece sembrava un giocatore completamente diverso rispetto a quello visto oggi. Deve trovare equilibrio e se saprà entrare nella cultura calcistica italiana e capire il valore della praticità, allora sarà destinato ad altri palcoscenici”. 

Ecco le altre dichiarazioni di Cosmi in sala stampa riportate dal sito ufficiale dell’Ascoli Picchio: “Sono soddisfatto perché i ragazzi hanno giocato come deve fare una squadra che lotta per la salvezza, con cuore, generosità incredibile, agonismo e qualità tecnica. Non è però questo il risultato che ci fa stare tranquilli perché il pareggio lascia le cose come stavano e quindi servirà una partita ancora più intensa di quella di oggi. Mengoni? Ha giocato un’ottima partita come Padella, Gigliotti, Mogos e Kanoute, che, a mio giudizio, è stato il migliore in campo. Oltre a quest’ultimo è stata ottima anche  la prestazione di altri giovani come Clemenza e D’Urso; per questi ragazzi giocare con personalità non era facile in una partita del genere. Si ricorderanno di questo match perché rappresenta un passaggio importante per la loro carriera. Con i nostri tre di difesa eravamo  troppo bassi ed eravamo quindi costretti a giocare palla lunga; nel momento in cui ci siamo alzati dieci metri, abbiamo tenuto ottimamente il campo finendo bene il primo tempo e perdendo nel secondo tempo solo un paio di palloni per via della stanchezza. Quanto vale questo pareggio? Lo stabiliremo alla fine della prossima gara”.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Boccia “Governo accanto a Sardegna”. Solinas “Noi sotto attacco”

13 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Si accende la polemica tra Governo e Regione Sardegna, dopo la nuova ordinanza del governatore Solinas. “Sulla Sardegna c’è tanta propaganda politica e le conseguenze rischiano di pagarle i cittadini sardi”, afferma il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.“Sui test la Regione Sardegna ha rifiutato diverse volte di […]

[…]

Top News

Coronavirus, 1.458 nuovi casi e 7 decessi nelle ultime 24 ore

13 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 1.458 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia registrati nelle ultime 24 ore, 7 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.610. Eseguiti 72.143 tamponi, per un totale di 9.818.118 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile di domenica […]

[…]

Top News

Pogacar vince la 15^ tappa del Tour ma Roglic è sempre più in giallo

13 Settembre 2020 0
GRAND COLOMBIER (FRANCIA) (ITALPRESS) – Slovenia sempre più padrona del Tour de France 2020. Tadej Pogacar vince la 15esima tappa – 174,5 chilometri con partenza da Lione e arrivo sul Grand Colombier – davanti al connazionale Primoz Roglic, sempre più leader della classifica generale. Una delle frazioni più dure dell’edizione numero 107 della corsa transalpina […]

[…]