Avellino, Patrignani e Capitanio ko. In avanti il duo De Vena e Ciotola

AVELLINO CALCIO – Fa la conta degli assenti l’Avellino per la difficile trasferta sul campo dell’Ostiamare.  I biancoverdi che devono assolutamente invertire il trend fuori casa, saranno privi di alcune pedine importanti. Problemi muscolari per Patrignani . Il terzino ex Imolese e Perugia non è stato convocato. Non ci saranno nemmeno il centrale difensivo Capitanio ed il centrocampista Buono (l’ex Ternana ha accusato un problema al piede). Scarf e Urbansky sono stati aggregati alla Juniores.

Prima chiamata invece per il centrocampista Di Paolantonio che si accomoderà in panchina insieme a Sforzini (che torna dopo la gara pareggiata contro il Monterosi). Il centravanti ex Pescara verrà schierato nella ripresa.

LE SCELTE – Classico 4-4-2 per i lupi con Lagomarsini in porta, difesa a quattro con Nocerino, Morero, Dondoni e Parisi.  Centrocampo con Tribuzzi e Carbonelli sulle fasce e la coppia MatuteGerbaudo al centro. Attacco affidato a De Vena e Ciotola. Toccherà a loro due grandi protagonisti nell’ultima gara interna contro la Vis Artena provare a regalare i tre punti lontano dal Partenio-Lombardi che mancano, ormai da tanto, troppo tempo.

Infatti, in questa stagione l’Avellino ha vinto sole due partite fuori casa contro Ladispoli ed Anzio. Se si vuole vincere il campionato, bisogna non commettere più errori anche in campo esterno.

Lasciare punti per strada in questo momento della stagione potrebbe essere deleterio.

Ora bisognerà provare ad accorciare sul Trastevere capolista e cercare di farsi trovare pronti sul mercato, dove servirà ancora qualche pedina per migliorare questo organico.

MERCATO – Nelle ultime ore, da indiscrezioni, sembra aver preso quota il nome di Prisco centravanti del Cassino (6 gol all’attivo per l’ex Aversa fino a questo momento).  La punta piace molto al direttore sportivo Musa ed il suo nome viene affiancato con insistenza a quelli di Albadoro (con il procuratore Nappi i contatti sono costanti) della Ternana e Longo della Turris. Sul fronte partenze Ventre, ormai è al passo d’addio. La punta ex Gela non ha soddisfatto la società.  Addio anche per il portiere Bruno. L’ex Benevento troverà un’altra squadra in serie D.   Il mercato è entrato nel vivo, vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà

Nella foto: il terzino Patrignani.

Ultimi Articoli

Top News

Fca-Psa, deciso il Cda di Stellantis con Elkann presidente

29 Settembre 2020 0
TORINO (ITALPRESS) – Il Cda di Stellantis, la società che nascerà dalla fusione tra Fca e Psa entro il primo trimestre 2021, sarà composto da 11 consiglieri, come stabilito nell’accordo firmato a fine 2019, tra cui tre donne. Il presidente sarà John Elkann, già a capo di Fca, Ferrari, Gedi e Exor, la holding della […]

[…]

Top News

Spadafora “14 casi Covid al Genoa? Credo che Serie A possa proseguire”

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sicuramente è una tegola a ciel sereno, perchè il protocollo della Figc è molto serio e articolato. Prese tutte le misure di cautela per il Genoa, vediamo i risultati dei test effettuati al Napoli, ma credo che il campionato sia ancora in grado di svolgersi nel modo previsto”. Lo ha dichiarato il […]

[…]

Top News

Giorgio Panariello compie 60 anni, tra tv, cinema e teatro

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Giorgio Panariello compie 60 anni. Il comico, attore e imitatore italiano festeggia il suo compleanno il prossimo 30 settembre. Le battute dal tipico accento toscano, la mimica e le parodie caratterizzano i suoi show. Negli anni, slogan, tormentoni, imitazioni, siparietti con personaggi veri o di fantasia, spesso eccentrici, bizzarri o esagerati, hanno […]

[…]

Top News

Conte “Abbiamo grande sfida da vincere, no alternative”

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Avremo successo se riusciremo a coinvolgere le migliori energie, se questo diventerà un piano nazionale partecipato da tutti. Il Paese gioca la partita più importante degli ultimi decenni, non riguarda solo noi, dobbiamo lavorare per le generazioni future. Cresceremo poco e male se non punteremo a superare le diseguaglianze di genere, quelle […]

[…]