Avellino, per la porta rispunta il nome di Radu

Spunta il nome di Ionut Radu per la porta. Il numero uno romeno è un vecchio pallino della dirigenza irpina. Classe 1997 ha giocato con Steaua e Dinamo Bucarest, prima di passare alla Pergolettese a 16 anni.

Successivamente il trasferimento all’Inter, Il 14 maggio 2016 il tecnico nerazzurro Roberto Mancini lo fa esordire in prima squadra contro il Sassuolo nell’ultima giornata di serie A, con Inter già sicura del 4° posto, facendolo entrare al 72′ al posto di di Juan Pablo Carrizo.

Ultimi Articoli

Top News

Fca-Psa, deciso il Cda di Stellantis con Elkann presidente

29 Settembre 2020 0
TORINO (ITALPRESS) – Il Cda di Stellantis, la società che nascerà dalla fusione tra Fca e Psa entro il primo trimestre 2021, sarà composto da 11 consiglieri, come stabilito nell’accordo firmato a fine 2019, tra cui tre donne. Il presidente sarà John Elkann, già a capo di Fca, Ferrari, Gedi e Exor, la holding della […]

[…]

Top News

Spadafora “14 casi Covid al Genoa? Credo che Serie A possa proseguire”

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sicuramente è una tegola a ciel sereno, perchè il protocollo della Figc è molto serio e articolato. Prese tutte le misure di cautela per il Genoa, vediamo i risultati dei test effettuati al Napoli, ma credo che il campionato sia ancora in grado di svolgersi nel modo previsto”. Lo ha dichiarato il […]

[…]

Top News

Giorgio Panariello compie 60 anni, tra tv, cinema e teatro

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Giorgio Panariello compie 60 anni. Il comico, attore e imitatore italiano festeggia il suo compleanno il prossimo 30 settembre. Le battute dal tipico accento toscano, la mimica e le parodie caratterizzano i suoi show. Negli anni, slogan, tormentoni, imitazioni, siparietti con personaggi veri o di fantasia, spesso eccentrici, bizzarri o esagerati, hanno […]

[…]

Top News

Conte “Abbiamo grande sfida da vincere, no alternative”

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Avremo successo se riusciremo a coinvolgere le migliori energie, se questo diventerà un piano nazionale partecipato da tutti. Il Paese gioca la partita più importante degli ultimi decenni, non riguarda solo noi, dobbiamo lavorare per le generazioni future. Cresceremo poco e male se non punteremo a superare le diseguaglianze di genere, quelle […]

[…]