Avellino calcio: ma che ultimatum è questo?

AVELLINO-RIETI 3-1tifosi avellino

Comunicato ufficiale dei possibili acquirenti dell’Avellino calcio, diffuso ufficialmente ieri alle 19,30:

Mauriello e De Cesare devono dimettersi: in assenza di un tale atto – ritenuto dagli scriventi essenziale per il closing e dovuto innanzitutto alla Città di Avellino e ai suoi tifosi – entro le ore 12.00 della giornata di sabato 30 novembre, la IDC non darà seguito alla finalizzazione dell’operazione”.

L’ultimatum è puntualmente scaduto e la IDC ne sta organizzando un altro, fissando la nuova scadenza a lunedì ore 19,00 per concludere l’operazione.

Una volta l’ultimatum rappresentava una cosa seria, utilizzato in questa maniera, spostandolo come una vettura in doppia fila, diventa una “fetecchia“.

Deriva dal latino ultimus che significa “estremo“, “ultimo”.

Per ultimatum si intende l’intimazione attraverso la quale un soggetto comunica ad un altro le proprie condizioni irrevocabili, respinte le quali si rompono i negoziati.

A livello internazionale, alla scadenza degli ultimatum si può ricorrere alla forza o dichiarare guerra.

Il calcio è sicuramente una cosa meno seria di una dichiarazione di guerra ma, per la tifoseria irpina, in questo momento l’Avellino conta più di una crisi di governo.

A mezzogiorno di oggi 30 novembre 2019, Mauriello e De Cesare ricoprivano ancora le cariche societarie dalle quali, secondo i potenziali acquirenti, avrebbero dovuto dimettersi per evitare di annullare il negoziato, come solennemente minacciato.

I potenziali acquirenti adesso dicono di volere aspettare fino a lunedì pomeriggio, quando è in programma l’appuntamento presso il notaio napoletano che dovrebbe ratificare il passaggio di proprietà dell’Avellino.

E l’ultimatum?

3

Gente indecisa pure questa, insomma, che non sa dare seguito alle proprie decisioni. C’è tanta somiglianza con i Mauriello e i De Cesare degli ultimi tempi.

Prima hanno dato un ultimatum per cui si ritiravano. Adesso aspettano che il commissario giudiziale Baldassarre decida sul da farsi. Ma non dovevano decidere loro per il mancato rispetto dell’ultimatum?

Ad Avellino una cosa del genere viene definita tentennamento (in modo edulcorato) oppure “Zeza” (per dare meglio l’idea).

Registriamo intanto le dichiarazioni fornite dal legale che rappresenta la IDC (la democrazia cristiana non c’entra, sia chiaro), avv. Petrillo: “Adesso che questo ultimatum è scaduto, ci riserviamo ogni valutazione, che, però, non vogliamo fare ora per rispetto nei confronti della squadra e della città. È noto che domani si gioca una partita abbastanza importante e, quindi, qualsiasi dichiarazione volessimo o dovessimo fare in questo momento sarebbe un modo per influenzare anche la serenità dello spogliatoio e della tifoseria”.

Ma quando mai?

Proprio perchè c’è una partita di calcio di mezzo, occorreva sgombrare il campo dalle incertezze che invece si moltiplicano, creando disgusto e confusione. Sia per i tifosi che per i tesserato.

Scaduto l’ultimatum senza dimissioni di Mauriello e De Cesare? Arrivederci e grazie, arrangiatevi.

Un’azione del genere avrebbe dato credibilità e spessore ai rappresentanti IDC: dovevano essere gli altri a tirare, poi, per la giacchetta i potenziali acquirenti implorando loro di acquisire il pacchetto azionario.

Il timore adesso è di vedere l’Avellino calcio fare la stessa fine della Scandone, procedendo con un rinvio dopo l’altro, fino all’assuefazione della drammaticità della situazione.

Invece si rinvia, si aspetta, si coltivano speranze e si crea ulteriore confusione, perchè l’affare interessa, eccome, al punto di essere pure disposti ad accettare il “riacquisto” indicato da De Cesare, ovvero la possibilità di vedere il patron della Sidigas tornare padrone dell’Avellino, dopo avere eventualmente sistemato le vicende finanziarie e giudiziarie.

Aspettiamo lunedì ma, per favore, agite in silenzio e senza diramare comunicati ultimativi.

Ed evitate di propinarci termini come ultimatum, closing, refunding, due diligence insieme a diktat che provocano ansia. E’ meglio per tutti.

Ultimi Articoli

Top News

Recovery fund, Conte “Non verrà sprecato un solo euro”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ci possiamo ritenere appagati tutti solo quando i soldi verranno spesi, non verrà sprecato un solo euro per il bene del paese. E’ un compito che ci impegna particolarmente”. Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, intervenendo alla Festa nazionale dell’Unità a Modena. “Noi vogliamo che sia un piano nazionale, robusto, forte […]

[…]

Top News

Crippa firma a Ostrava il nuovo record italiano dei 5000 metri

8 Settembre 2020 0
OSTRAVA (REPUBBLICA CECA) (ITALPRESS) – Serata da leggenda per Yeman Crippa (foto archivio Colombo/Fidal) a Ostrava (Repubblica Ceca). Dopo trent’anni cade il record italiano dei 5000 metri: l’azzurro corre in 13:02.26 e migliora il primato che dal 1990 apparteneva a Totò Antibo (13:05.59). Un record che era nell’aria, e fortemente voluto dal 23enne delle Fiamme […]

[…]

Top News

Coronavirus, Azzolina “Rischio zero non esiste”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Abbiamo lavorato sulla prevenzione con diverse misure. Il rischio zero non esiste, ma ci siamo preparati. Nel caso ci fosse un sospetto positivo è stato predisposto uno spazio apposito, successivamente viene chiamata la famiglia. Poi il sistema sanitario nazionale prende in carico il paziente: se fosse positivo si andrebbe a vedere con […]

[…]

Top News

Primo stop per l’Under 21 di Nicolato, azzurrini ko in Svezia

8 Settembre 2020 0
KALMAR (SVEZIA) (ITALPRESS) – L’Italia Under 21 cade per la prima volta sotto la gestione Nicolato. Allo stadio Fredriksskans di Kalmar la Svezia domina sugli azzurrini infliggendo loro la prima sconfitta in sei gare di qualificazione al prossimo Europeo. Archiviato il successo in amichevole a Lignano Sabbiadoro contro la Slovenia, nella trasferta svedese i ragazzi […]

[…]

Top News

Conte a Beirut “Italia in prima linea per la ricostruzione”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Una giornata ricca di incontri istituzionali e momenti di confronto e dialogo quella del premier italiano Giuseppe Conte a Beirut, che si è conclusa con la visita all’ospedale da campo allestito dai militari italiani nel campus universitario di Hadat. Il campo, appena completato, sarà operativo già dalle prossime ore, e potrà ospitare […]

[…]