Sacripanti: “Bravi tutti. Devo complimentarmi con la mia squadra”

AVELLINO BASKET – “Ero convinto che sarebbe stata una gara ostica – ha affermato Pino Sacripanti -.Cantù può contare su un organico di primissima fascia. Una squadra che sicuramente potrà dire ancora la sua. E’ stata una bella partita, l’abbiamo dominata sempre e devo fare i complimenti ai ragazzi per i tiri che hanno saputo prendersi e per le scelte. Veniamo da due settimane molto difficili, sia per i problemi di Green che per il ginocchio di Acker che per i problemi di Cervi. …

AVELLINO BASKET – “Ero convinto che sarebbe stata una gara ostica – ha affermato Pino Sacripanti -.Cantù può contare su un organico di primissima fascia. Una squadra che sicuramente potrà dire ancora la sua. E’ stata una bella partita, l’abbiamo dominata sempre e devo fare i complimenti ai ragazzi per i tiri che hanno saputo prendersi e per le scelte. Veniamo da due settimane molto difficili, sia per i problemi di Green che per il ginocchio di Acker che per i problemi di Cervi. Aver conquistato 4 punti contro Sassari e Cantù ci lancia verso i play off”. Sulle condizioni della sua squadra: “Sul piano fisico non stiamo benissimo ma sotto l’aspetto mentale abbiamo sempre risposto presente. E lo abbiamo dimostrato tutte le volte che Cantù ha provato a rientrare in partita. I canestri di Leunen, di Nunnally lo dimostrano”.Mercato? “Se la società pensa di operare sul mercato per aumentare le rotazione in vista dei play off può essere una scelta intelligente. Per quanto mi riguarda mi vanno bene i dieci che ho”.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino, incubo fasce: senza paura o si cambia?

23 Novembre 2021 0

di Dino Manganiello Visto che da un po’ di tempo a questa parte è tutto un fiorire di “giornata mondiale del…” ed affini, si potrebbe definire quella di domenica prossima, almeno in riferimento alle cose […]

Attualità

La ricostruzione infinita

23 Novembre 2021 0

A distanza di 41 anni dal terremoto l’Irpinia vive come il resto del mondo la più grande tragedia dal secondo dopoguerra. Basti pensare che nella sola Campania le vittime del covid sono già quasi il […]