Avellino, che beffa: cade a Biella all’overtime 84-82

BASKET AVELLINO – Contro l’Angelico Biella l’Avellino cerca il bis esterno consecutivo che le consentirebbe di conservare una posizione di prestigio tra le “big” del campionato. I piemontesi, appaiati a quota 10 con gli irpini, hanno ottenuto tre vittorie nelle scorse quattro partite e puntano anche loro a ripetersi dopo l’importante vittoria della scorsa settimana sulla Benetton Treviso.

1° quarto: 14-27
La partenza della Sidigas è delle migliori. Una serie impressionante di “bombe” a segno (4 di fila, 2 Dean, 1 Green e Gaddefors) lanciano i biancoverdi sul 3-12 con Biella che accusa il colpo e prova a reagire fermandosi però sul 7-12. Avellino è carica, non molla un centimetro sul parquet, aggredisce e punisce ogni errore avversario con precisione chirurgica. La difesa tiene bene e l’attacco è scatenato. Dean da sotto e ancora oltre i 6,75 firma con Slay (5 di fila) un break di 0-12 che inchioda Biella sul 7-24. Un divario di 17 lunghezze ridotto da Chessa e Jurak mentre Dean trova lo spunto nel finale di primo periodo per realizzare canestro e prendersi il fallo che gli vale un gioco da tre punti (ne segnerà 14 nel suo referto personale al 10’).

2° quarto: 39-42
Un tempo ciascuno. Se nel primo periodo Avellino mostra tutto il suo potenziale offensivo, Biella emerge nel secondo rifilando un parziale di 25-15 alla Sidigas che dopo aver tenuto botta con Slay e una tripla di Lauwers, subisce la pressione dei locali e un 7-0 firmato Soragna (28-36). Ancora Slay con Dean riportano avanti i biancoverdi di 12 (30-42) ma nei due minuti conclusivi non c’è tregua per la difesa irpina, che concede prima 4 liberi a Jurak (ne realizza 3), lasciando a Coleman il compito di chiudere il secondo atto con 6 punti che valgono un break di 9-0 per un recupero straordinario (Sidigas avanti di 17 nel primo periodo…) riducendo a soli 3 punti il divario a metà partita.

3° quarto: 46-58
Avaro di punti, ricco di errori il terzo periodo a differenza dei primi due. Se Biella riesce a produrro poco o nulla, appena 7 punti, Avellino non riesce a decollare ma quantomeno costruisce un nuovo importante vantaggio. Dopo un mini break di 0-7 con Gaddefors autore di 4 punti di fila (41-51 al 23’) la gara vive una fase di black out. Entrambe le formazioni non trovano la via del canestro poi un botta e risposta con Spinelli dai liberi e Soragna dal campo, seguito da tiro libero di Golemac e un canestro vincente di Gaddefors, senza ricorrere a straordinari, consentono alla Sidigas di portarsi avanti di 12 lunghezze al 30’.

4° quarto: 72-72
Nel periodo conclusivo l’Angelico rientra (59-65 al 34’), Jurak risponde a Green (61-67) ma il divario minimo raggiunto da Biella, di 6 punti, tende ad allargarsi. Slay e Dean lanciano la Sidigas (+10 al 38’, 62-72). La “tripla” di Pullen tiene ancora in vita Biella che non molla, crede nel clamoroso recupero. Con Coleman (canestro nell’area) e Chessa (“tripla”) arriva al -2 (70-72) al 39’. Una serie di falli ed errori spegne l’inerzia a favore dei piemontesi. Dean perde palla, stavolta Pullen punisce Avellino (72-72) e il tentativo da tre di Spinelli allo scadere non trova fortuna. Si va ai supplementari.

1° tempo supplementare: 84-82
Senza Dean e Johnson usciti per cinque falli, Avellino dapprima rincorre (Pullen da tre e Coleman portano Biella sul 77-74), poi con una serie di liberi di Golemac, abile a calamitare falli, riesce a impattare (77-77). Dragicevic sbaglia da tre punti, Spinelli da sotto realizza il sorpasso (77-79). Dai liberi Pullen ne realizza soltanto uno (78-79), Golemac prende il rimbalzo, poi Spinelli perde la sfera che finisce tra le mani di Soragna per l’80-79. Ancora Golemac, si fa fermare da Sorgagna, e stavolta dalla linea della carità fa ½, pareggiando a quota 80. Lauwers successivamente fallisce a tre, Pullen è perfetto dentro l’area per l’82-80. Sempre Golemac, unico realizzatore in questo overtime per la Sidigas, prende fallo e liberi: fa 2/2 ed è 82 pari a 20” dalla fine. Pullen pesca libero Jurak che segna subito l’84-82. Slay ha giusto il tempo di provare il tiro da 3 punti che non va. Vince Biella 84-82.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]