Avellino-Paganese, anticipato l’inizio: risparmio sulla bolletta dell’Enel

La Lega Pro ha comunicato la variazione dell’orario del calcio di inizio di Avellino-Paganese, la gara del turno infrasettimanale in programma mercoledì 26 febbraio al Partenio-Lombardi.

Il match valevole per la nona giornata del girone di ritorno si sarebbe dovuto giocare alle 18.30 ma è stato anticipato alle ore 15,00.

Un orario particolarmente scomodo per i tifosi di entrambe le squadre.

Si prevede un Partenio-Lombardi quasi deserto, considerando pure la protesta della Curva Sud e i due settori chiusi, la Tribuna Terminio e la Montevergine Centrale.

Pare che la richiesta (accolta dalla Lega Pro) sia stata dettata per evitare l’accensione dei riflettori e quindi ottenere un consistente risparmio sulla fattura dell’energia elettrica, da parte dell’Avellino.

Ultimi Articoli

Top News

Il vescovo di Mazara a Musumeci “Razzismo su migranti è contro vangelo”

8 Settembre 2020 0
MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) (ITALPRESS) – “E’ penoso sentire definire gregari di questo o quel politico i sacerdoti che predicano il Vangelo di Cristo senza se e senza ma”. Lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero in risposta al presidente della Regione, Nello Musumeci che, sabato scorso ad Agrigento, ha […]

[…]

Top News

Ginocchio Zaniolo ko “Tornerò presto, grazie a tutti per il supporto”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro. Questo l’esito dei controlli ai quali si è sottoposto Nicolò Zaniolo questa mattina a Villa Stuart, a Roma, dopo l’infortunio subito ieri sera ad Amsterdam durante la partita di Nations League tra Olanda e Italia. Il giocatore, reduce dalla rottura del legamento crociato del ginocchio […]

[…]

Top News

A luglio vendite al dettaglio in calo del 2,2%

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – A luglio 2020 l’Istat stima, per le vendite al dettaglio, una diminuzione rispetto a giugno del 2,2% in valore e del 3,1% in volume. In calo sia le vendite dei beni non alimentari (-3,2% in valore e -4,8% in volume), sia quelle dei beni alimentari (-1,0% in valore e -0,8% in volume). […]

[…]