Avellino calcio, Festa convoca Izzo e Circelli. D’Agostino resta alla finestra

Il Sindaco di Avellino, Gianluca Festa ha convocato Luigi Izzo e Nicola Circelli: i due soci di maggioranza dell’U.S. Avellino si recheranno in Comune mercoledì mattina, per chiarire le loro posizioni in merito al futuro del club biancoverde.

Il primo cittadino fungerà da garante per la cessione delle quote da un contendente all’altro. Ad oggi si conosce la posizione di Circelli, il quale ha sia dichiarato di essere pronto a farsi da parte per 370mila euro comprensivi della caparra da 100mila euro da restituire a Nicola Di Matteo e della somma da corrispondere alla Innovation Football; dall’altra ha ribadito di poter terminare la stagione facendo fronte alle varie spese grazie all’intervento di uno o più imprenditori (pare napoletani) pronti ad aiutarlo economicamente.

Anche Festa ha confermato la duplice strada da poter seguire affinché l’Avellino esca dall’impasse. La prima porta all’acquisizione del 50% delle quote in possesso di Izzo, De Lucia e Autorino da parte di Circelli, con la sua società “Dicembre srl”; la seconda passa per l’acquisizione del 50% di proprietà di Circelli e della Innovation Football da parte di un terzo soggetto: Angelo D’Agostino.

L’imprenditore attivo nel campo delle costruzioni e dell’editoria avrebbe accettato la proposta di Circelli (370mila euro), ma vorrebbe rateizzare l’offerta d’acquisto anche per mettersi al sicuro qualora dovessero uscire fuori debiti “nascosti”. Allo stesso tempo, per bocca del suo legale, l’avvocato Todaro, Circelli non avrebbe posto alcun paletto circa le modalità d’acquisto e cessione. Neppure la recompra in favore della Sidigas sembra essere un impedimento all’acquisto del club, sempre come dichiarato da Todaro: “L’accordo, in virtù della cessione a un’altra proprietà, verrebbe rimodulato”.

Da qui alla fine della stagione, l’attuale o nuovo proprietario dell’U.S. Avellino dovrà fare fronte a spese pari a circa 2 milioni di euro, tra soldi da versare alla proprietà cedente, costi di gestione, rate Sidigas e debiti nei confronti di calciatori della passata stagione, erario e fornitori. Una cifra che sarà sicuramente snellita dalle valorizzazioni dei giocatori, dai crediti maturati in Lega, dai proventi della Legge Melandri e dalla cessione di uno o più pezzi pregiati (Parisi e Di Paolantonio), ad oggi, però, in scadenza di contratto.

Ultimi Articoli

Top News

Effetto Covid sul lavoro, nel secondo trimestre -470 mila occupati

11 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – L’emergenza sanitaria per il Covid-19 si è fatta sentire pesantemente sul mercato del lavoro nel secondo trimestre del 2020. Secondo la “Lettura integrata” fornita dall’Istat, le ore lavorate hanno registrato una forte diminuzione rispetto sia al trimestre precedente (-13,1%) sia allo stesso periodo del 2019 (-20,0%). Si tratta di andamenti coerenti con […]

[…]

Top News

Violenza sessuale su due turiste minorenni nel Materano, 4 arresti

11 Settembre 2020 0
MATERA (ITALPRESS) – La polizia di Matera ha arrestato i presunti responsabili della violenza sessuale e delle lesioni personali aggravate e continuate nei confronti di due minorenni, di nazionalità britannica, avvenute la notte del 7 settembre a Marconia, frazione di Pisticci (Matera), nel giardino di una villa in cui si teneva una festa privata. Le […]

[…]