Walter Taccone a Michele Gubitosa: “Un divorzio è per sempre”

Al di là delle dichiarazioni ufficiali e dei sorrisi di facciata, s’è ormai capito che Walter Taccone e Michele Gubitosa “è finita”, mai più potranno tornare insieme.

Del resto è stato proprio il presidente a dire con chiarezza come funziona: “Se divorzio con una persona, è impossibile che poi torni a sposarla”.

Un taglio netto con il passato, una chiusura totale per un futuro che poteva pure esserci. Perché Michele Gubitosa, imprenditore del settore informatico ma “malato” di calcio e dell’Avellino, s’è detto sempre pronto a rientrare in pista. (LEGGI QUI)

Non lo ha detto ufficialmente ma il concetto era questo: se Taccone sta cercando un nuovo socio, rischiando di imbarcare qualche forestiero con interesse a fare cassa, eccomi pronto a rientrare, alle stesse condizioni discusse il giorno in cui Michele Gubitosa, Angelo D’Agostino e Walter Taccone in estate sciolsero il patto che doveva essere solo concretizzato.

“Sono disposto a tornare nell’Avellino rilevando il 100 per cento della società”, questo Gubitosa l’ha detto e confermato con convinzione.

La replica di Taccone è stata una chiusura che non lascia spazio ad altre interpretazioni: “Obiettivamente, come accade dopo i divorzi, è assai difficile sposarsi nuovamente con la stessa persona”.

Non si registra la “contro-replica” di Gubitosa ma appare ormai evidente che non c’è più margine per una ricomposizione del rapporto imprenditoriale. Quello personale resterà formalmente cordiale ma, sotto il profilo degli affari con Taccone e circa le quote societarie dell’Avellino, Michele Gubitosa ha messo definitivamente in archivio la questione.

A questo punto l’imprenditore di Montemiletto resterà esclusivamente un tifoso, osserverà da lontano l’evolversi di una trattativa societaria che potrebbe portare Ferullo nella società con qualche carica (chissà se portando soldi e rilevando quote) con la preoccupazione che, nel tempo, il club possa perdere l’identità irpina.

Dopo il fallimento dei Pugliese, l’allora sindaco Galasso scelse la cordata avellinese, privilegiandola ad altre, perchè volle che l’Avellino fosse sentito come una cosa propria dalla città, dalla provincia, in virtù delle precedenti esperienze di avventurieri e faccendieri che avevano gestito la società in cambio di benevolenze ed appalti.

Ora non bisognerà perdere l’identità di cui è andato fiero, sin dalle origini, questo club; e non correre il rischio che l’U.S. diventi terra di conquista.

Dipenderà da Walter Taccone: se vorrà continuare a gestire la società da solo, potrà farlo per altri cento anni, per quanto è visceralmente legato all’Avellino, ma dai segnali registrati pare abbia proprio voglia di disimpegnarsi e l’alternativa all’imprenditoria irpina – comunque disponibile – potrebbe rappresentare un salto nel buio.

Ultimi Articoli

Top News

Recovery fund, Conte “Non verrà sprecato un solo euro”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ci possiamo ritenere appagati tutti solo quando i soldi verranno spesi, non verrà sprecato un solo euro per il bene del paese. E’ un compito che ci impegna particolarmente”. Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, intervenendo alla Festa nazionale dell’Unità a Modena. “Noi vogliamo che sia un piano nazionale, robusto, forte […]

[…]

Top News

Crippa firma a Ostrava il nuovo record italiano dei 5000 metri

8 Settembre 2020 0
OSTRAVA (REPUBBLICA CECA) (ITALPRESS) – Serata da leggenda per Yeman Crippa (foto archivio Colombo/Fidal) a Ostrava (Repubblica Ceca). Dopo trent’anni cade il record italiano dei 5000 metri: l’azzurro corre in 13:02.26 e migliora il primato che dal 1990 apparteneva a Totò Antibo (13:05.59). Un record che era nell’aria, e fortemente voluto dal 23enne delle Fiamme […]

[…]

Top News

Coronavirus, Azzolina “Rischio zero non esiste”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Abbiamo lavorato sulla prevenzione con diverse misure. Il rischio zero non esiste, ma ci siamo preparati. Nel caso ci fosse un sospetto positivo è stato predisposto uno spazio apposito, successivamente viene chiamata la famiglia. Poi il sistema sanitario nazionale prende in carico il paziente: se fosse positivo si andrebbe a vedere con […]

[…]

Top News

Primo stop per l’Under 21 di Nicolato, azzurrini ko in Svezia

8 Settembre 2020 0
KALMAR (SVEZIA) (ITALPRESS) – L’Italia Under 21 cade per la prima volta sotto la gestione Nicolato. Allo stadio Fredriksskans di Kalmar la Svezia domina sugli azzurrini infliggendo loro la prima sconfitta in sei gare di qualificazione al prossimo Europeo. Archiviato il successo in amichevole a Lignano Sabbiadoro contro la Slovenia, nella trasferta svedese i ragazzi […]

[…]

Top News

Conte a Beirut “Italia in prima linea per la ricostruzione”

8 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Una giornata ricca di incontri istituzionali e momenti di confronto e dialogo quella del premier italiano Giuseppe Conte a Beirut, che si è conclusa con la visita all’ospedale da campo allestito dai militari italiani nel campus universitario di Hadat. Il campo, appena completato, sarà operativo già dalle prossime ore, e potrà ospitare […]

[…]