Trattativa Stato -Mafia, chiesti sei anni per l’ex Ministro dell’Interno Nicola Mancino

“Sono colpevoli, condannateli”. Così il pubblico ministero Vittorio Teresi nell’ambito del processo sulla trattativa Stato-Mafia. Fra gli imputati c’è pure l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino, accusato di aver detto il falso: per lui la procura chiede una condanna a 6 anni. 

I fatti sono accaduti tra il 1992 e il 1994, alle bombe mafiose (Capaci e via D’Amelio nel ‘92, gli attentati in continente nel ‘93 e quello fallito allo stadio Olimpico di Roma nel ‘94) sarebbe seguito il tentativo di interromperle attraverso il dialogo con la mafia.

L’accusa a Mancino è scaturita dalle parole dell’allora Ministro della Giustizia Claudio Martelli con cui mise nei guai l’ex ministro dell’Interno Mancino. “Mi lamentai con lui del comportamento del Ros”, mise a verbale Martelli davanti ai giudici di Palermo. “Mi sembrava singolare che i carabinieri volessero fare affidamento su Vito Ciancimino”.

Martelli aveva affermato di avere chiesto conto a Nicola Mancino dei colloqui riservati fra gli ufficiali del Ros e l’ex sindaco di Palermo. Mancino ha sempre negato: ha detto di non avere mai parlato del Ros e di Ciancimino con Claudio Martelli. “Dice il falso”, accusano invece i pm.

La prossima settimana parleranno gli avvocati di parte civile: il Centro studi Pio La Torre, il Comune di Palermo, l’associazione Libera, l’associazione Familiari delle vittime della strage dei Georgofili,  la Presidenza del Consiglio dei ministri, la Presidenza della Regione Sicilia e l’ex capo della Polizia Gianni De Gennaro (parte lesa dal reato di calunnia contestato a Ciancimino).

Nella successiva udienza sarà il turno dei difensori degli imputati per contrastare la narrazione dei pm e ribaltarne l’epilogo. La sentenza della corte d’assise è prevista per il mese di aprile.

Ultimi Articoli

Top News

Salvini “Il reddito di cittadinanza vada solo a chi non può lavorare”

23 Settembre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul reddito di cittadinanza la posizione della Lega è chiara, va confermato a chi non può lavorare e queste persone vanno aiutate perchè nessuno può essere dimenticato. Il problema è che ci sono migliaia di persone che incassano fino a 1.000 euro al mese che non vogliono lavorare e rifiutano i lavori […]

[…]

Top News

Dal Consiglio dei Ministri via libera al decreto contro il caro bollette

23 Settembre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas nel quarto trimestre 2021.Le nuove misure intervengono a vantaggio degli oltre 3 milioni di persone che beneficiano del “bonus energia”: nuclei che hanno un Isee inferiore a 8265 […]

[…]

Top News

Covid, 4.061 nuovi casi e 63 decessi in 24 ore

23 Settembre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Altro aumento dei casi Covid in Italia. Nelle ultime 24 ore – secondo i dati forniti dal Ministero della Salute – i nuovi positivi registrati sono 4.061, dato che si incrementa rispetto ai 3.970 segnalati il 22 settembre. Questo anche per via del numero superiore di tamponi processati, 321.554. Il tasso di […]

[…]