Torna Canalarte con “le stagioni dei sentimenti sospesi”

La Ventesima edizione di “C’era una volta Canalarte…” è stata un grande successo: lo confermano i numeri, la partecipazione attiva, le persone che da ogni parte d’Italia tornano ogni anno nel borgo serinese di Canale per un appuntamento annuale e soprattutto tradizionale con gli artisti di strada, lo spettacolo, l’arte, la gastronomia, le atmosfere senza tempo. Tutti col fiato sospeso per le novità di quest’anno. La Ventunesima edizione, che si terrà il 13, 14 e 15 luglio nelle vie del borgo di Canale, è ancora una volta organizzata e promossa dall’Associazione Canalarte (Presidente Laura Rocco, vicepresidente Franca Filarmonico) e patrocinata dal Comune di Serino.

Ed è l’edizione che presenterà come tema “le stagioni dei sentimenti sospesi”, da scoprire e riscoprire, veicolati da suoni, immagini, installazioni e sapori. La ricetta di quest’anno è sempre la stessa: un borgo senza tempo, una scenografia a firma Antonio Filarmonico, l’ospitalità serinese e un’associazione di volontari strettamente legati alla propria terra e alle proprie tradizioni. Il loro contributo è gratuito e sentito, ripagato dagli attestati di stima di associazioni esterne, di turisti, di visitatori che da ogni parte d’Italia tornano a Canale per il festival internazionale.

Il Presidente dell’Associazione Laura Rocco: “Sono fiera e soprattutto orgogliosa di poter rappresentare da ormai 21 anni un evento che non ha nulla di commerciale, ma che è rivolto e dedicato a quelle tradizioni, a quelle usanze e a quei luoghi che devono rimanere ancorati nel tempo, trasmettendo atmosfere diverse, sensazioni particolari. Che devono far portare un ricordo vivo in chi decide di passare qui tre giorni. La chiave del nostro successo? Semplicità mista a fierezza. Vi promettiamo grandi cose, vi abbiamo mai delusi?”. Ecco, quindi, che tra conferme e nuovi artisti il programma vedrà protagonisti il Circo Tresoldi, Mana Performing, Batida, La Petite Revue, Sega Musicale, Baracca dei Buffoni, Vat Vat Vat, The Corten, Populart, Marco Maiorino, Quebraidera, Rosamarina Paisà, Bubble Truppen, Old Roller, Mascarata di Serino, Banda Canalarte, Tammurriarè, Terra Siccagna, Li Sunaturi, Khoramma, il Cappellaio Matto, Anema e Core, Dissonanthika, Estasia, “Sciò…scaccia via il pregiudizio” con Ilaria Scarano, Canalewood con Umberto Rinaldi, “Non Cambiate Canale” con Carmine Losco, Luca Preziosi e Ottavio Giordano, Carlos Atoche.

Contento della prossima edizione anche il sindaco di Serino Vito Pelosi: “C’era una volta Canalarte non ha bisogno di presentazioni, è tra i nostri motivi di maggiore orgoglio, a cui cerchiamo di dare sempre il massimo supporto. E’ una vetrina importante, uno spettacolo unico”.

Ultimi Articoli

Top News

Lady Gaga, arriva in radio il nuovo singolo “911”

25 Settembre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – E’ disponibile da oggi per la programmazione radiofonica “911”, il nuovo singolo di Lady Gaga tratto dall’ultimo album “Chromatica”.Il brano arriva dopo il successo degli ultimi singoli, “Stupid Love” e “Rain on me” con Ariana Grande, che sono stati ininterrottamente tra i 10 pezzi più suonati dalle radio italiane degli ultimi 6 […]

[…]

Top News

Conte “Pandemia tragedia ma anche opportunità per un nuovo inizio”

25 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “La pandemia ha sconvolto le nostre esistenze e le nostre abitudini consolidate, ha soffocato l’economia mondiale costringendoci a interrompere le relazioni sociali e a limitare le nostre libertà. Questa tragedia ci ha cambiati, ma si consegna anche l’opportunità di un nuovo inizio, che sta a noi cogliere”. Lo ha detto il presidente […]

[…]

Top News

Sanità privata, Aiop ratifica la pre-intesa per il rinnovo del contratto

25 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Aiop ha dato il via libera alla ratifica della pre-intesa per il rinnovo del contratto del personale non medico della sanità privata.“Oggi è stata scritta una pagina storica per la Sanità italiana. Finalmente le lavoratrici e i lavoratori della componente di diritto privato si vedono riconosciuti gli stessi diritti di quelli della […]

[…]