Strage del bus autostrada A16, le intercettazioni: processo da rifare

Il processo per la strade dell’autobus, precipitato sette anni dal viadotto Acqualonga in territorio di Monteforte Irpino, deve essere rifatto.

Così riporta nell’edizione odierna il Corriere della Sera, da cui è tratto l’articolo che segue, relativamente all’esito del processo di primo grado.

LEGGI PURE – Autostrade per l’Italia: le motivazione della sentenza per la strage del bus

Ecco cosa scrive il quotidiano, attraverso un dettagliato racconto.

Quel giorno Paolo Berti aveva un diavolo per capello. Era l’11gennaio 2019 e il Tribunale di Avellino lo aveva condannato a 5 anni e 6 mesi per la strage dell’autobus precipitato il 28 marzo 2013 dal viadotto Acqualagna, a Monteforte irpino, sull’A16 Napoli-Bari. Persero la vita 40 persone.

In quel processo furono assolti i vertici di Autostrade per l’Italia compreso l’ad Giovanni Castellucci.

Berti (oggi ai domiciliari per l’indagine sulle barriere antirumore difettose) si sfogò con dirigenti e familiari, senza sapere che ad ascoltare ogni sua parola c’erano anche gli uomini della Finanza di Genova che indagavano sul crollo del ponte Morandi.

E così su quella strage  del 2013, raccontò involontariamente agli inquirenti una nuova verità. «La linea, la linea, abbiamo dovuto difendere la linea aziendale – dice a Chiara, la moglie, in una telefonata intercettata – Mollo (l’ex dg di Aspi) sapeva bene che quella barriera non funzionava e non l’ha sostituita».

Berti aveva taciuto in quel processo e si pentiva. Perché se avesse parlato, dice, sarebbero stati condannati i vertici romani (allora Berti era direttore «locale») e lui forse l’avrebbe scampata: «Sapevano tutto, Michele… – rivela Berti a Michele Donferri, l’ex responsabile delle manutenzioni -. Castellucci mi ha fatto chiamare… ma gli metto le mani addosso… ha fatto il furbo… meritava che andassi a dire la verità e lo ammazzavo, credimi… per evitare che arrivassero a lui non ci siamo invece difesi noi… adesso deve lucidarmi le scarpe».

Nel tentativo di calmarlo, il giorno della condanna Castellucci chiese a Donferri di andarlo a prendere con l’autista.

Racconta Berti: «Arrivato lì gli ho detto“ guardi, il risultato oggi è straordinario per l’azienda perché sei cogl… ci hanno messo la faccia (i sei condannati), entro una settimana mi fa sapere come mi garantisce la “business continuity” lavorativa».

Donferri gli ricordava poiche l’assoluzione rendeva Castellucci ricattabile in appello e poteva sfruttare la cosa per carriera, stipendio e processo di Genova.

E la verità su Avellino?

«Processo da rifare», dicono in Procura.

Ultimi Articoli

Top News

Bagarre sul Green pass alla Camera, seduta sospesa dopo protesta Fdi

29 Luglio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Bagarre alla Camera dei deputati dove la seduta è stata sospesa dal vicepresidente Fabio Rampelli, di turno alla guida dell’aula. A protestare i suoi colleghi di Fratelli d’Italia per il respingimento della pregiudiziale sul Dl Covid che prevede disposizioni sull’obbligo del Green Pass per lo svolgimento di alcune attività. Fdi chiedeva il […]

[…]

Top News

Messina (Idv) “Riforma giustizia pericolosa, a rischio stato diritto”

29 Luglio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Da qualche settimana Italia dei Valori è rientrata in Parlamento, sia alla Camera con Piera Aiello che al Senato con Elio Lannutti, con il simbolo del Gabbiano collocandosi come moderati di centrosinistra. Il nostro partito ha inoltre altre adesioni importanti come quelle di Elisabetta Trenta, Ignazio Cutrò e Pino Masciari, abbiamo ricostruito […]

[…]

Top News

Perilli bronzo nel trap, San Marino entra nella storia

29 Luglio 2021 0
TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – San Marino entra nella storia dei Giochi olimpici conquistando la prima medaglia dalla prima partecipazione del 1960 a Roma, un anno dopo la costituzione del Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese. Protagonista Alessandra Perilli, 33 anni, che ha conquistato il bronzo nel tiro a volo femminile, specialità trap. L’oro è andato alla slovacca […]

[…]

TG News

Tg News – 29/7/2021

29 Luglio 2021 0

In questa edizione: – Covid, Fondazione Gimbe: “Siamo nella quarta ondata” – Scuola, ipotesi quarantena solo per non vaccinati – Portici di Bologna patrimonio Unesco – A Messina primo vaccino senza ago

Top News

Giustizia, Salvini “Lavoro per mediazione, spero si chiuda oggi”

29 Luglio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Stiamo lavorando perchè passi la riforma della giustizia, i referendum per cui continueremo a raccogliere le firme sono una garanzia. Intanto è importante che il Parlamento approvi la prima riforma del processo penale e come Lega abbiamo chiesto di aggiungere i reati di violenza sessuale e traffico di droga. Se verranno accolte […]

[…]