Sei positivo al Coronavirus? L’Asl non risponde: l’odissea dei malati al telefono

Cosa fanno i dipendenti dell’Asl negli uffici di Via degli Imbimbo ad Avellino?

Perchè non rispondono a telefono?

Perchè sono stati forniti specifici numeri telefonici ai quali nessuno si degna di rispondere?

Le proteste dei tantissimi utenti esasperati per le lunghe e inutili attese a telefono sono tante e tutte documentate.

Irpiniaoggi ieri ha pubblicato la mail di una lettrice che, non sapendo più a quale Santo rivolgersi.

Si tratta di una pubblica denuncia, in merito alla quale non è escluso un interessamento da parte dell’autorità giudiziaria.

LEGGI PURE – Incubo quarantena: Chiusi in casa da un mese, il silenzio dell’Asl

Dopo la pubblicazione, abbiamo voluto verificare la situazione, provando pure noi a contattare gli uffici dell’Asl.

Senza successo, ovviamente.

Vogliamo proporre, allora, due o tre concetti a coloro che dovrebbero essere al servizio dell’utenza e, in particolare, a chi dirige il personale dell’Asl di Avellino, non solo presso gli uffici della sede centrale, anche presso le sedi dislocate in altre zone di Avellino, di cui presto ci occuperemo per capire cosa fanno effettivamente i dipendenti in quelle stanze.

Il primo

C’è gente che sta male, a malapena riesce a contattare il medico di famiglia, il quale dirotta l’interlocutore all’Asl per organizzare le procedure legate al Covid-19.

3

Persone che hanno bisogno di sentire una voce per risolvere i problemi. Riuscite a capirlo, questo, signori che occupate le scrivanie dell’Asl?

E’ gente che telefona senza ricevere risposta, la cui rabbia cresce vorticosamente rispetto a quegli squilli a vuoto. Altre volte la linea si interrompe e non è colpa del gestore telefonico.

Il secondo

Quante persone lavorano fisicamente all’Asl di Avellino, non solo presso gli uffici di Via degli Imbimbo?

Cosa fanno questi signori e signore durante l’orario di lavoro, visto che non devono ricevere utenti in presenza?

E allora perchè non rispondono alle chiamate dei cittadini?

C’è carenza di personale presso la sede centrale? Trasferite il personale dalle altre sedi, è semplice, no?

Sono tutti in smartworking?

Allora attivate i trasferimenti di chiamate e abilitate i dipendenti a rispondere da casa, anzichè lasciarli gironzolare in pigiama oppure preparare il sugo.

Il terzo

Quante linee telefoniche interne ci sono all’Asl di Avellino?

Abbiamo provato a comporre decine di numeri tra quelli indicati sul sito ufficiale dell’Asl e quelli forniti dall’ufficio stampa. Nessuna risposta oppure interruzione della comunicazione.

Possibile che le stanze siano tutte vuote?

Gli utenti sono esasperati e allora chiamano le redazione dei giornali, scrivono mail di proteste che sono autentiche denunce.

Numeri utili

Un suggerimento agli utenti: anzichè chiamare i giornali e le televisioni, telefonate ai Carabinieri (112), alla Polizia (113), alla Guardia di Finanza (117) in modo da lasciare una traccia ufficiale segnalando il disservizio.

E’ grave negare il pubblico servizio, senza rispondere a telefono alle invocazioni di gente che sta male, che ha bisogno di risolvere problemi seri.

Da parte dell’Asl, arriverà una risposta a questi quesiti?

Non c’è bisogno di farlo attraverso il telefono, magari guasto oppure intasato e quindi inutilizzabile: basta una mail.

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, in Italia 36.176 nuovi casi e 653 morti

19 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in aumento, anche se di poco, i nuovi casi di coronavirus in Italia. Sono infatti 36.176 nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 34.283) e ciò a fronte di un incremento dei tamponi effettuati, più di 250 mila. Calano i decessi: i morti nelle ultime 24 ore sono 653 (eri erano […]

[…]

Top News

Nei primi 8 mesi del 2020 pesante effetto Covid sulle assunzioni

19 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati nei primi otto mesi del 2020 sono state 3.305.000. Rispetto allo stesso periodo del 2019 la contrazione risulta molto forte (-35%) per effetto dell’emergenza legata alla pandemia Covid-19 con le conseguenti restrizioni a partire da marzo (chiusura delle attività non essenziali, limitazioni della mobilità […]

[…]