Ministro Speranza: “Altri 887 morti, meglio non fare il Natale che la terza ondata”

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 11-02-2020 Roma Politica Commissione Schengen - Audizione del ministro della Salute Roberto Speranza su coronavirus Nella foto Roberto Speranza Photo Roberto Monaldo / LaPresse 11-02-2020 Rome (Italy) Hearing of the Health minister Roberto Speranza on coronavirus In the pic Roberto Speranza

Spostamenti tra comuni: previsto il divieto a Natale, nel giorno di Santo Stefano e a Capodanno. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio spinge per permettere gli spostamenti ma quello della Salute definisce “assurdo” ciò che sostiene il suo collega grillino.

Il ministro della Salute Roberto Speranza in un’intervista a Repubblica ha detto:

“Voglio essere chiaro: io avevo proposto di fare zona rossa tutta Italia in quei tre giorni di festa. Non cambio idea – riporta il quotidiano – La penso come la Merkel, che sembra prepararsi a nuove restrizioni. Il rischio di una terza ondata dopo il Natale preoccupa tutti i Paesi europei. Per me, il limite agli spostamenti tra i comuni è una misura che rischia di essere troppo blanda, certo non troppo rigida. Oggi contiamo 887 morti. E da giorni vedo però in giro comportamenti leggeri. Se devo scegliere tra una regola che certamente può disturbare il Natale dei cittadini, e promuovere misure che provano ad allontanare il rischio di una terza ondata, io non ho dubbi”.

Ultimi Articoli

Attualità

Scuola: il Tar sospende l’ordinanza di De Luca

10 Gennaio 2022 0

Il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale la Regione Campania ha disposto la didattica a distanza fino al 29 gennaio in tutte le scuole dell’infanzia, elementari e medie del territorio per criticità legate alla […]

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]