L’Avellino si getta via nel derby (2-3): nulla sarà più come prima

Suicidio Avellino che perde nel quarto d’ora finale una partita che aveva ormai vinto. Rassegnata e stanca, la Salernitana era ormai pronta a registrare una sconfitta che feriva la tifoseria granata più che la squadra.

Invece è accaduto quanto nessuno avrebbe ipotizzato: sotto di due gol, la squadra di Bollini ha ribaltato l’Avellino e quindi il risultato, ha messo sotto i piedi la squadra irpina, mortificandola nel gioco e nella impostazione tattica.

E’ come se si fossero giocare due partite: equilibrata inizialmente quella del primo tempo poi dominata per metà ripresa dall’Avellino andato a bersaglio due volte. Poi la partita della Salernitana, un monologo negli ultimi 15’ di gioco, crescendo gradualmente fino ad assumere il totale comando della situazione, mortificando l’Avellino nel gioco, segnando tre gol e ribaltando e quindi il risultato.

Discutibili le sostituzioni e le mosse tattiche adottate da Novellino sul doppio vantaggio. Paghera al posto di Molina ha fatto subito storcere il muso agli spettatori, per non dire quando il nuovo entrato ha cominciato a sbagliare posizione e passaggi.

Ci si aspettava di vedere in campo Bidaoui che avrebbe potuto gestire palla ma il suo ingresso è arrivato quando la Salernitana stava già diventando padrona del campo.

Novellino s’è giustificato, assumendosi ogni responsabilità ma per il popolo irpino che ha respinto addirittura i suoi giocatori che volevano andare sotto la curva a fine gara, non esistono scusanti quando si perde quella che è “LA” partita dell’anno, il derby contro la Salernitana. Perdippiù in quella maniera, dopo avere gioito e festeggiato con immensi striscioni e sfottò di ogni genere.

Ce ne vorrà per recuperare i punti perduti (due sconfitte di seguito, a Bari e con i granata) e soprattutto l’entusiamo. E sabato si va a Pescara, senza Migliorini e Lazzerini che saranno squalificati per avere voluto fare i paladini e i giustizieri in una situazioni che altri avrebbero dovuto gestire e sanzionare dopo il gesto stupido dell’avversario. Giustizialismo nemmeno apprezzato dalla folla che non ha voluto saperne di accogliere la squadra sotto la curva sud.

Dopo questa brutta, cocente, umiliante sconfitta, nulla sarà più come prima. E ce ne vorrà per fare riemergere il feeling tra pubblico e squadra.

Ultimi Articoli

Top News

Mattarella “Determinazione per la ripartenza, no a teorie antiscientifiche”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La ripartenza è una strada nuova. Dobbiamo percorrerla con determinazione e con speranza. Come è accaduto in altri momenti della nostra storia, quando nel dopoguerra la ricostruzione è cominciata dalle macerie, quando un nuovo modello sociale, più capace di benessere, di opportunità e diritti, è scaturito dal concorso di forze e di […]

[…]

Top News

Ictus, il fattore tempo decisivo per salvare vite

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Debolezza da un lato del corpo, bocca storta, difficoltà a parlare o comprendere (afasia), muovere con minor forza un braccio, una gamba o entrambi, vista sdoppiata o campo visivo ridotto, mal di testa violento e improvviso, insorgenza di uno stato confusionale, non riuscire a coordinare i movimenti nè stare in equilibrio: questi […]

[…]

Top News

Il “Dekra Road Safety Award 2021” al Politecnico di Milano

26 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – E’ stato assegnato al Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, il Premio Internazionale “Dekra Road Safety Award 2021” giunto alla quarta edizione. A ritirare il premio Marco Bocciolone, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica. Il riconoscimento, che valorizza le realtà italiane, aziende o figure professionali più attive e brillanti nell’ambito della […]

[…]

Top News

Primi 9 mesi 1,68 mln nuclei beneficiari reddito-pensione cittadinanza

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel periodo gennaio-settembre 2021, secondo i dati dell’Inps, i nuclei percettori di Reddito di Cittadinanza (RdC) sono stati oltre 1,52 milioni, mentre i percettori di Pensione di Cittadinanza (PdC) sono stati più di 160mila, per un totale di oltre 1,68 milioni di nuclei e quasi 3,8 milioni di persone coinvolte, per un […]

[…]

Top News

Sud, Draghi “I ritardi nella spesa una tassa sul futuro dei giovani”

26 Ottobre 2021 0
BARI (ITALPRESS) – “Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità. La responsabilità è del Governo, ma anche dei Comuni e degli altri enti territoriali.I ritardi nella spesa, che per troppo tempo hanno colpito il Mezzogiorno, sono un ostacolo […]

[…]