La resa di Taccone, ma chi restituirà i soldi agli abbonati?

Un commiato al calcio e all’Avellino, con quella buona dose di incoerenza che ha condizionato la novennale gestione dell’U.S. Avellino, scomparsa dal panorama calcistico italiano nel pomeriggio di ieri.

Walter Taccone si è congedato (forse…) con un lungo comunicato stampa, iniziato con velleitarie intenzioni di proseguire la battaglia giudiziaria “nelle sedi opportune” e concluso con un virtuale passaggio di consegne a chi vorrà iniziare a fare calcio in una provincia massacrata dalla notizia della mancata iscrizione in serie B e dalla totale esclusione dal calcio, sancita nei tribunali della giustizia sportiva e amministrativa. 

Nella nota pubblicata di buon mattino, Taccone si riserva “ogni ulteriore azione esperibile per tutelare il buon nome della società, dei suoi dipendenti, dei calciatori e di una tradizione sportiva ultracentenaria della città e della provincia di Avellino che non meritano di scomparire dal calcio professionistico per presunti vizi formali”.

In parole povere: porto avanti la mia guerra contro i mulini al vento, fino al Tas di Losanna. 

Poi, però, il ripensamento: “Resto sempre a disposizione del calcio ad Avellino e vicino a chi vorrà rappresentare il nuovo titolo sportivo, proprio come avvenuto 9 anni fa”.

Se nei quiz è la prima risposta quella che conta, in questo caso è la seconda affermazione quella più importante: l’era Taccone è definitivamente conclusa

Alla pubblicazione della nota dell’ormai ex patron biancoverde ha fatto seguito la ridda di commenti sui social degli infuriati tifosi irpini e, soprattutto, dei circa 2500 che avevano sottoscritto la tessera stagionale a scatola chiusa.

La domanda più frequente è questa: “Chi ci restituirà i soldi dell’abbonamento?”

Nel comunicato, Taccone parla di tutto e tutti, ma non ne fa riferimento. I botteghini sono chiusi da giorni, nelle casse della società di soldi neppure l’ombra, possibile dunque che chi intenderà riappropriarsi del proprio denaro dovrà costituire una class action e adire alle vie legali.

Difficile, invece, che mosso a compassione l’ex proprietario dell’U.S. Avellino possa risarcire i circa 300 mila euro ricevuti in dono dai sostenitori irpini.

Se così dovesse essere sarebbe un ulteriore smacco per il popolo biancoverde, da oggi nuovamente costretto a ripartire dall’inferno della serie D

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 19/10/2021

19 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Ballotaggi: 8 capoluoghi su 10 al centrosinistra – Facebook e il metaverso: 10mila posti di lavoro in Europa – Turismo 2021: cresce solo nella zona mediterranea – Occupazione a ottobre: 505 […]

Top News

Genetica e digitale, le parole chiave per l’agricoltura del futuro

19 Ottobre 2021 0
TORRAZZA COSTE (PAVIA) (ITALPRESS) – Il futuro dell’agricoltura del Paese si gioca sue due fronti: la genetica e l’utilizzo di tecnologie digitali che possano sia innovare il settore, preservando la biodiversità dei prodotti tipici sia renderlo più competitivo, resiliente e sostenibile. E’ quanto emerso in occasione della tappa conclusiva del roadshow Agrievolution, il dibattito itinerante […]

[…]

Top News

Letta “La coalizione larga funziona, ora al lavoro sulla manovra”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “A Roma Gualtieri ha raddoppiato i suoi voti assoluti rispetto al primo turno, questo vuol dire che il meccanismo della coalizione larga ha funzionato. C’è molto da lavorare sulla Legge di bilancio che in queste ore viene elaborata, affinchè sia le risposte necessarie sulla salute e l’istruzione, perchè la pandemia ci ha […]

[…]

Top News

Mercato immobiliare in crescita, +3,2% nel quarto trimestre 2020

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel IV trimestre 2020 sono 245.240 le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative a immobili. Le compravendite aumentano del 3,2% rispetto al trimestre precedente e del 4,9% su base annua. In concomitanza delle misure adottate per il contenimento del Covid-19, nei primi sei mesi del 2020 si registra un […]

[…]

Top News

Polonia, Morawiecki “Non accettiamo ricatti dall’Ue”

19 Ottobre 2021 0
STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – “Il diritto dell’Unione non può essere sopra le Costituzioni, non può violarle”. Lo ha detto il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, nel suo intervento al dibattito in plenaria al Parlamento europeo, a Strasburgo, sullo Stato di diritto.“L’Unione Europea non è uno Stato, lo sono invece i 27 Paesi membri dell’Ue che […]

[…]

Top News

Polonia, Von der Leyen “Non tollereremo rischi per valori comuni Ue”

19 Ottobre 2021 0
STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – “Per la prima volta in assoluto un tribunale di uno Stato membro rileva l’incompatibilità dei Trattati europei con la Costituzione nazionale. E questo ha gravi conseguenze per il popolo polacco perchè la decisione ha un impatto diretto sulla protezione e l’indipendenza della magistratura”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea, […]

[…]