Guardate quanto paga l’Avellino per i suoi tifosi

Con la multa di duemila euro comminata dal giudice Sportivo dopo la gara interna contro il Pescara, sale a euro 13.500 il conto pagato finora dall’Avellino alla Lega di serie B per le intemperanze dei propri sostenitori.

Nella speciale classifica delle società più multate, l’Avellino è all’ottavo posto, in zona playoff.

La società che ha finora pagato più di tutte è la Salernitana con 45.500 euro, seguita dal Foggia con 44.000 quindi due società del nord – molto più distaccate in graduatoria – ovvero Brescia e Cremonese. Ci sono pure tre società che non hanno subito neppure un euro di multa e sono Cesena, Cittadella e Frosinone.

Ecco la graduatoria completa

  • 1) Salernitana 45.500
  • 2) Foggia 44.000
  • 3) Brescia 21.500
  • 4) Cremonese 21.000
  • 5) Ternana 20.000
  • 6) Palermo 18.500
  • 7) Perugia 17.000
  • 8) Avellino 13.500
  • 9) Pescara 12.500
  • 10) Venezia 12.000
  • 11) Spezia 6.000
  • 12) Bari 6.000
  • 13) Pro Vercelli 5.000
  • 14) Carpi 3.000
  • 15) Ascoli 3.000
  • 16) Novara 2.500
  • 17) Virtus Entella 2.500
  • 18) Empoli 2.000
  • 19) Parma 1.500
  • 20) Cesena 0
  • 21) Cittadella 0
  • 22) Frosinone 0

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, in Italia 36.176 nuovi casi e 653 morti

19 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in aumento, anche se di poco, i nuovi casi di coronavirus in Italia. Sono infatti 36.176 nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 34.283) e ciò a fronte di un incremento dei tamponi effettuati, più di 250 mila. Calano i decessi: i morti nelle ultime 24 ore sono 653 (eri erano […]

[…]

Top News

Nei primi 8 mesi del 2020 pesante effetto Covid sulle assunzioni

19 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati nei primi otto mesi del 2020 sono state 3.305.000. Rispetto allo stesso periodo del 2019 la contrazione risulta molto forte (-35%) per effetto dell’emergenza legata alla pandemia Covid-19 con le conseguenti restrizioni a partire da marzo (chiusura delle attività non essenziali, limitazioni della mobilità […]

[…]