Frodi fiscali con fatture inesistenti: nove indagati, c’è pure un avellinese

C’è pure un commercialista di Avellino tra gli indagati della Guardia di Finanza di Caserta e dell’Ufficio di Napoli 1 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che questa mattina hanno eseguito un’ordinanza applicativa di 9 misure cautelari personali (di cui 3 in carcere e 6 agli arresti domiciliari) emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di altrettanti soggetti gravemente indiziati di far parte di un sodalizio criminale dedito alla commissione di plurime frodi fiscali ai danni dell’erario.

L’indagine, scaturita da una verifica ai fini IVA nei confronti di una società operante nel commercio di prodotti elettronici. È stata accertata la commissione da parte dell’associazione composta da professionisti e consulenti contabili, imprenditori compiacenti e amministratori formali e/o teste di legno, di plurime frodi fiscali operate attraverso l’emissione e l’annotazione di fatture per operazioni inesistenti, nonché l’utilizzo dello schema tipico delle c.d. frodi carosello, utilizzando delle società fittizie (cd. cartiere), interposte all’interno di un’operazione commerciale, al fine di far sorgere un diritto (in realtà inesistente) a detrarre l’Iva sugli acquisti e far ricadere, invece, l’onere tributario sulle citate società cartiere che in non versavano nulla all’erario. Veniva, inoltre, rilevato il ricorso ad indebite compensazioni di imposta attraverso l’utilizzo di crediti in realtà inesistenti.

In tale contesto, è emerso che l’organizzazione, per attribuire parvenza di regolarità contabile e fiscale alle sottostanti operazioni commerciali e finanziarie, si avvaleva dell’ausilio di consulenti fiscali e commercialisti, nonché di un appartenente alla Guardia di Finanza, ora in congedo, al quale era stata affidata la gestione di fatto di alcune società utilizzate per realizzare il sistema di frode.

In particolare, mentre i predetti professionisti si occupavano di pianificare le operazioni soggettivamente e/o oggettivamente inesistenti attraverso l’utilizzo di società di comodo, l’ex finanziere provvedeva, insieme ad altri membri del sodalizio, sia al reclutamento delle c.d. teste di legno cui intestare fiduciariamente le società di comodo sia a tutti gli adempimenti necessari alla realizzazione delle fittizie operazioni commerciali.

Poiché grazie al descritto meccanismo, le società coinvolte hanno potuto usufruire di ingenti risparmi d’imposta, realizzando proventi illeciti da evasione fiscale per oltre 20 milioni di euro, il provvedimento del GIP ha disposto anche il sequestro preventivo di beni, quote societarie e delle disponibilità finanziare in capo agli indagati per un valore corrispondente ai predetti profitti.

L’elenco degli indiziati

In particolare il gip applicava: la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di:

CESTRONE LUIGI nato a San Prisco (CE) il 08.04.1963;

CORACE ANTONIO nato a Napoli il 19.01.1972;

SALES CARLO nato a Napoli il 29.02.1956;la misura degli arresti domiciliari, ai seguenti indagati:

SALES DANILO nato a Napoli il 21.10.1988;

ZICCARDI MARCO nato a Avellino il 22.12.1967;

3

RASCIO Fabian Alejandro nato in Argentina (EE) il 23.10.1970;

MORIA Salvatore nato a Napoli il 14.07.1959;

DALLO IACONO Giuseppe nato a Napoli il 01.01.1946.

Tutti gravemente indiziati di far parte della associazione, nonché la misura degli arresti domiciliari, a:

PERRINO Raffaele, nato a Santa Maria C.V. (CE) il 12.07.1964.

Gravemente indiziato, unitamente a CESTRONE Luigi, del reato di cui all’art. 615 ter c.p..

Contestualmente, sono in corso di esecuzione perquisizioni locali e personali su parte del territorio nazionale.

Ultimi Articoli

Top News

Giustizia, Letta “Fare le riforme ora, noi ci siamo”

8 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ho incontrato la ministra Marta Cartabia per confermarle la nostra volontà di fare ora, in Parlamento, le riforme del processo civile, di quello penale e del Csm. Noi ci siamo. Aspettare e rinviare non è quello che ci vuole per una giustizia più efficiente, rapida e giusta”. Così, su Twitter, il segretyario […]

[…]

Top News

Comunali, Meloni “Non capisco i rinvii sulle candidature”

8 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Io sui sindaci chiedo solo di decidere, penso che ci siano le condizioni per fare bene e questo continuo rimandare comincio a non comprenderlo più. Credo che scegliere dei candidati sindaci e partire con la campagna elettorale sia una priorità. E’ il rinvio sine die che comincio a non capire più e […]

[…]

Top News

Covid, 1.896 nuovi casi e 102 decessi in 24 ore

8 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Risalita dei casi di coronavirus in Italia. Dai 1.273 registrati nelle 24 ore precedenti ai 1.896 segnati oggi dal consueto bollettino del Ministero della Salute. Questo però a fronte di un numero più elevato di tamponi processati, 220.017 e che fa scendere il tasso di positività sotto l’1%, esattamente allo 0,86%. Il […]

[…]