Finto medico dell’Inps truffa un’anziana e si fa consegnare 500 euro e qualche monile

Anziana truffata da un finto medico dell’Inps. La truffatrice nella mattinata di ieri ha bussato all’appartamento dell’anziana in viale Principe Amedeo e si è qualificata come dottore dell’Istituto nazionale di previdenza sociale. All’anziana ha detto di essere lì per una visita necessaria per la revisione della pensione. La malcapitata ha acconsentito a fare entrare il finto medico.

Alla fine la truffatrice è riuscita a farsi consegnare cinquecento euro in contanti e qualche monile d’oro. L’anziana ha capito di essere stata truffata solo dopo aver raccontato ai familiari quanto accaduto poco prima. Non le è restato altro da fare che rivolgersi ai carabinieri della stazione cittadina. I militari hanno raccolto la denuncia dell’anziana ed avviato le indagini per risalire alla malfattrice. 

Ultimi Articoli

Top News

Lavoro, Orlando “Confido presto in riforma degli ammortizzatori”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Confido di portare abbastanza presto una riforma degli ammortizzatori sociali. Abbiamo bisogno di avere formazione e di strumenti in grado di accompagnare le imprese nella transizione che avverrà, da quella digitale a quelle ecologica”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ospite di “Mattino5” su Canale 5. “Ora bisognerà aiutare […]

[…]

Top News

Politecnico di Torino, al via l’iniziativa culturale “Cinque Libri”

5 Maggio 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – In un momento storico caratterizzato da comunicazioni estremamente numerose e spesso molto brevi, il Politecnico di Torino è convinto che il libro sia più importante che mai, un antidoto potente per orientarsi nel frastuono spesso assordante dell’attualità. Libro, quindi, inteso come oggetto a cui dedicare tempo e attenzione, che genera riflessioni e […]

[…]

Top News

Carfagna “Il Ponte sullo Stretto è una priorità”

5 Maggio 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – “Nella mia visione il Ponte sullo Stretto è una priorità. Può essere fatto con risorse nazionali e presto la relazione del Comitato appositamente insediato ci dirà anche quale modello è preferibile. Ma non facciamo gli ingenui: il Ponte è una di quelle grandi opere che cambiano un Paese. Serve un accordo politico […]

[…]