Diplomi falsi ad Avellino, a giugno processo al via

Diplomi falsi ad Avellino, subito a processo. Il procuratore capo, Rosario Cantelmo, e il sostituto, Antonella Salvatore, hanno chiesto il giudizio immediato per i due indagati nell’inchiesta su un giro di diplomi falsi fra Avellino e provincia. Il gip, Vincenzo Landolfi, ha scelto il 20 giugno come data di inizio del procedimento penale .

Le accuse, a vario titolo, sono di corruzione e falsità materiale in atto pubblico commessa da un pubblico ufficiale. Alla sbarra A.P, 67enne di Avellino, collaboratore esterno della Cisl, e B.A. 37enne che svolgeva il ruolo di esaminatore in un istituto di formazione privata al centro del capoluogo irpino.

A.P., attualmente ai domiciliari, avrebbe promesso a una donna titoli utili per vincere il concorso per il personale Ata in cambio di 2300 euro, facendosi consegnare parte della somma come anticipo. Fra i diplomi forniti ci sarebbe anche una patente europea sottoscritta da B.A., senza che la candidata abbia mai sostenuto i corsi o l’esame. Il collaboratore esterno della Cisl avrebbe ottenuto parte dei titoli grazie alla collaborazione di una scuola di Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta.

 

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]