De Luca: “Campania in zona rosè. Non rilassiamoci a Natale. Scuole? No riapertura senza certezze”

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel classico appuntamento in diretta del venerdì, ha attaccato il Governo, il Ministro Di Maio (“è uno di quelli che si è speso perché la Campania restasse commissariata con un Commissario diverso dal presidente della Regione“), e il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris (“A Napoli c’è solo un imbecille che litiga da solo e prova a fare sciacallaggio per nascondere la propria nullità amministrativa. In un anno non ha mai mosso un dito“).

Rimaniamo la regione con meno decessi per Covid. Per quanto riguarda le terapie intensive abbiamo occupato il 29%, sono ricoverate 194 persone, mentre in Lombardia ce ne sono 915, in Piemonte 390 e in Veneto 279. Il nostro è un miracolo. C’è stato solo un appesantimento nei Pronto Soccorso come era prevedibile. I tamponi rapidi fai da te del presidente Zaia? Suggerisco di non seguire i suoi consigli, perché è un’operazione delicata e non da fare in modo dilettantesco“, ha proseguito De Luca.

Sulla zona rossa della Campania: “Nell’ultima settimana abbiamo abbassato il tasso di positivi dal 16% al 15%, ma non c’entrano le misure del Governo, ma quelle che abbiamo adottato nelle ultime settimane. A parte qualche negozio chiuso, non si può parlare di zona rossa, in Campania c’è la zona rosé, una zona “fiorin fiorello l’amore è bello”“.

Sui medici e i tamponi: “Abbiamo chiesto alla Protezione Civile di fare un bando per far arrivare in Campania medici specializzati. Lo spot ha finito per drammatizzare una situazione conosciuta da mesi. Hanno risposto 157 medici, l’80%, e questo è un bel passo avanti. Presto toccheremo 27mila tamponi giornalieri effettuati con esiti via sms entro un giorno“.

Infine, sulle scuole: “Le abbiamo chiuse e apriti cielo. Ora c’è un’ondata di richieste per non riaprire gli istituti: i genitori sono sinceramente preoccupati. La riapertura del 24 era una previsione, ma non riapriremo nulla se non avremo certezze da un punto di vista epidemiologico. Abbiamo scelto una linea di rigore e tutela per i bambini e la manterremo. Cerchiamo di non rilassarci per le prossime settimane: rilassandoci a Natale avremo una nuova pesante ondata, con annessi decessi, a gennaio. Usciremo dalla pandemia prime e meglio degli altri“.

Ultimi Articoli

Top News

Al Vinitaly qualità e tutela sono le parole d’ordine

18 Ottobre 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Seconda giornata di Vinitaly nella sua Special Edition, con un occhio ai mercati internazionali ma anche a quello interno, oggi sorprendente. In questo settore si assiste a una rivoluzione rosa: le donne sono produttrici e manager nel settore vinicolo, ma soprattutto nel 2021 le wine lovers hanno superato gli uomini passando, secondo […]

[…]

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]

Top News

Letta “Il voto rilancia il Pd e rafforza il Governo”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il Pd oggi è rilanciato, vince ovunque queste elezioni”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, dalla sede del Nazareno, commentando i risultati dei ballottaggi.“Ho sempre imparato che la cosa più importante è ascoltare gli elettori e gli elettori sono più avanti di noi, perchè si sono saldati e hanno […]

[…]