Coronavirus: movida e mascherina, ecco la nuova ordinanza di Festa

Il Sindaco di Avellino, Gianluca Festa ha firmato due ordinanze che saranno in vigore fino al 30 settembre 2020.

Dalle ore 19 di ogni giorno sarà vietato vendere bevande in vetro o lattine, alcoliche e non: queste dovranno essere versate in monouso.

Sarà vietato usare e abbandonare contenitori vuoti, lattine e bottiglie di vetro, romperle e abbandonare cocci in aree pubbliche o ad uso privato.

Le sanzioni saranno salate: da 400 a 1000 euro per i trasgressori, mentre le attività commerciali rischieranno dai 5 ai 30 giorni di chiusura.

Inoltre, non è da dimenticare l’ordinanza regionale che vieta la vendita d’asporto di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22 di ogni sera, da parte di ogni attività commerciale, compresi i distributori automatici.

Poi, resta vietato il consumo di bevande alcoliche in aree pubbliche dalle ore 22 alle ore 6.

Reintrodotto anche il divieto di vendita di bevande alcoliche dopo le ore 21 per grande e media distribuzione sul territorio avellinese.

Gli esercizi pubblici dovranno garantire le regole di distanziamento sociale all’interno delle aree pubbliche loro concesse, oltre al rispetto dei divieti indicati.

Inoltre, è confermato l’obbligo di indossare la mascherina tutti i fine settimana dalle ore 20 alle 6 del mattino in alcune zone della città, fino al prossimo 30 settembre: Corso Vittorio Emanuele, Piazza Libertà, via De Conciliis, Viale Italia, dall’intersezione con via Marconi all’intersezione con via De Conciliis.

La mascherina è obbligatorio indossarla anche in prossimità degli esercizi commerciali, luoghi abituali di ritrovo nelle zone di via Fratelli Urciuoli, Viale Italia, via Tuoro Cappuccini.

SPOT