Coronavirus, il Moscati comunica altri tre decessi: il più giovane aveva 68 anni. Il punto sui ricoveri

L’Azienda Moscati comunica il decesso di altre tre persone a causa del Covid-19, ricoverate alla Città Ospedaliera.

È deceduta ieri, nella terapia subintensiva dell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza, una paziente di 90 anni di Avellino, ricoverata dal 29 aprile.

Questa mattina sono deceduti due pazienti: una paziente di 76 anni di Pago del Vallo di Lauro, ricoverata dal 26 aprile nella terapia subintensiva del Covid Hospital, e un paziente di 68 anni di Avellino, ricoverato dal 6 aprile e in terapia intensiva dal 27 aprile.

Nelle aree Covid dell’Azienda ospedaliera Moscati risultano ricoverati 60 pazienti: 9 in terapia intensiva, 32 nelle aree verde e gialla del Covid Hospital, 9 nell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza, 8 nell’Unità operativa di Malattie Infettive e 2 nel plesso ospedaliero di Solofra.

Ultimi Articoli

Top News

Smart working, Candiani (Microsoft): “Il futuro del lavoro è ibrido”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che il futuro del lavoro sarà ibrido: in alcuni momenti si lavorerà da remoto, ma sarà importante anche avere momenti in ufficio per incontrarsi con i colleghi, discutere con il capo e fare riunioni di brainstorming. Ciò che noi immaginiamo è di fare 2 giorni in ufficio e 3 giorni da […]

[…]

Top News

Manchester City in finale di Champions, 2-0 al Psg

4 Maggio 2021 0
MANCHESTER (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Guardiola esulta: il Manchester City è la prima finalista della Champions League. In Inghilterra i Citizens chiudono la pratica Psg aggiudicandosi anche la semifinale di ritorno per 2-0 grazie a uno scatenato Mahrez. Sotto gli occhi tristi della stella Mbappè, in panchina a causa dei noti problemi fisici accusati negli ultimi […]

[…]

Top News

In tempo di Covid +77% reati online contro minori

4 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La pandemia ha investito le vite di tutti noi, ci ha cambiato profondamente in un tempo brevissimo. I bambini hanno subito uno stravolgimento del loro mondo: sono stati tutti obbligati ad avvicinarsi alle nuove tecnologie per poter seguire l’attività scolastica, mantenere i rapporti con i compagni, poter sentire vicini i nonni. Il […]

[…]