Coronavirus, De Luca: “Temo la ripresa del contagio. Ho visto cinghialoni correre, andrebbero arrestati”

“Senza il senso di responsabilità individuale, per l’Italia si aprirebbe la strada per una tragedia nazionale. Finché non avremo il vaccino dovremo fare i conti con il virus e abituarci a un altro modo di vivere”, ha spiegato Vincenzo De Luca, tenendo alta la guardia dei suoi corregionali.

LEGGI PURE – Mascherine obbligatorie per tutti, chi non la indonna è una bestia

Nel corso del consueto punto della situazione settimanale, il governatore della Campania ha dichiarato che “faremo verifiche ogni 14 giorni, come da tempo di incubazione del virus, per capire se ci sono state conseguenze in merito alle decisioni prese. Se dovesse riemerge il contagio dovremo avere la capacità di intervenire subito e io ho il terrore che il contagio possa riprendere, perché vedo troppa allegria in giro.

De Luca ha pure spiegato: “In Campania è iniziato tutto da tre persone positive provenienti dal Nord Italia e siamo arrivati all’inferno. Dobbiamo capire che ci sono tante persone asintomatiche ed essere consapevoli che c’è un problema da risolvere. Se saremo responsabili e prudenti potremo affrontare la seconda fase con più serenità, altrimenti dovremo preoccuparci. Sarà indispensabile e obbligatorio l’uso della mascherina, per tutti”.

Sulle passeggiate e il footing: “Sono state stabilite due fasce orarie per effettuare attività motoria, perché avremo la situazione fuori controllo. Abbiamo scelto la fascia oraria dalle 19 alle 22 per andare incontro alle famiglie con dei bambini.

La corsetta? Non si può pensare di correre in mezzo alle famiglie. Ho visto vecchi cinghialoni della mia età che correvano senza mascherine e con tre tute addosso: questi andrebbero arrestati per oltraggio al pudore. A questi dico che non è un dramma aspettare altre due settimane. Potete passeggiare con passo svelto, senza sputacchiare goccioline di salive, indossando rigorosamente la mascherina, altrimenti sarete multati senza pietà”

Infine per chi rientrerà in Campania da altre regioni o dall’estero: “Vogliamo evitare che i nostri corregionali che rientrano in Campania possano creare focolai. Devono esserci dei controlli, alla partenza, per chi è diretto nella nostra regione e chi viene in Campania deve immediatamente segnalare la propria presenza all’Asl e andare in autoisolamento“.

Ci saranno sanzioni per quanti non rispetteranno tali disposizioni. De Luca ha avvertito: “I Sindaci e chi conosce meglio il territorio, dovrà segnalare tali arrivi all’Asl e alla Regione per i provvedimenti di competenza”

Ultimi Articoli

Top News

Gregoretti, pm Catania ribadisce non luogo a procedere per Salvini

10 Aprile 2021 0
CATANIA (ITALPRESS) – L’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini, nella vicenda dello sbarco dei migranti dalla nave Gregoretti, al centro dell’udienza preliminare in corso nell’aula bunker di Catania “non ha violato alcuna delle convenzioni internazionali”, le sue scelte sono state “condivise dal Governo” e la sua posizione “non integra gli estremi del reato di sequestro di […]

[…]

Top News

Bonomi “Recupero dell’economia italiana a fine 2022”

10 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Le esportazioni di beni e servizi nello scenario di Confindustria dopo una caduta di circa il 14% nel 2020, saliranno di oltre l’11% nel 2021 e del 7% nel 2022. Il mercato internazionale continua a fornire uno slancio rilevante alla ripresa delle aree europee e alla competitività delle merci italiane. Le vendite […]

[…]

Top News

In 5 anni aumenti medi Tari del 2,4%, a Trapani il costo maggiore

10 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Tra il 2016 e il 2020, ovvero in 5 anni, la Tassa sui Rifiuti (TARI), aumenta mediamente del 2,4%, mentre nell’ultimo anno l’aumento è pari allo 0,8% sul 2019. “In valori assoluti, spiega Ivana Veronese – Segretaria Confederale UIL – le famiglie italiane verseranno, nel 2020, nelle casse comunali, in media 307 […]

[…]

Top News

Coronavirus, Salvini “Su riaperture non è schedina totocalcio”

10 Aprile 2021 0
CATANIA (ITALPRESS) – “Bisogna fare di più e più in fretta, il tema vaccini sta correndo, archiviati i miliardi di sprechi e le primule di Arcuri l’obiettivo cinquecento mila dosi al giorno entro aprile è possibile, sempre che l’Europa non si metta di traverso”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, oggi a […]

[…]