Chi sarà il nuovo Sindaco di Avellino? Tra Luca e Gianluca è sfida all’ultimo voto

La splendida giornata di una prorompente estate ha sicuramente indotto molta gente a preferire il mare al seggio elettorale.

Di quei 46.557 cittadini avellinesi iscritti nelle liste elettorali, sarà grasso che cola se 25-26mila si presenteranno ai seggi per esprimere la propria preferenza.

Prevedibile un calo dell’affluenza dei votanti, rispetto al primo turno, quello di 15 giorni fa, quando emersero i due nomi che sono andati al ballottaggio: Luca Cipriano e Gianluca Festa.

A mezzogiorno i dati ufficiali hanno riportato che hanno votato 6443 elettori, ovvero il 13,84% con un calo del -3,46% rispetto alla  rilevazione effettuata alla stessa ora, al primo turno.

La sfida, dunque, è apertissima, all’ultimo voto nel ballottaggio tra Festa e Cipriano.

In queste due settimane i due aspiranti successori di Vincenzo Ciampi se ne sono dette di tutti i colori, senza risparmiare reciproche allusioni e accuse, dando dimostrazione di uno spessore non proprio eccelso ma in linea con l’andazzo di una città che va avanti per forza di inerzia, a livello organizzativo e amministrativo.

Il commissario prefettizio Giuseppe Priolo, con una specie di testamento amministrativo, parlando del suo mandato, ha fatto ammenda: “Lascio il Comune di Avellino con tanti rimpianti, avrei potuto fare di più”.

Ci sarebbe da interrogare: perchè non lo ha fatto?

Una sintesi che rapprssenta un ottimo assist per il nuovo sindaco. Peggio del loro precedessore, sia esso Luca o Gianluca, il nuovo Sindaco non potrà fare.

Sarà semplice fare meglio rispetto all’ex Prefetto che, in realtà, s’è limitato a svolgere il suo compitino, da vero impiegato statale, senza incidere sull’attività amministrativa, tra ordinanze sbagliate e provvedimenti fumosi.

Rispetto a tale attività, fanno un figurone gli aspiranti sindaco con le loro idee, sulla carta, espresse in modo solenne attraverso i copiosi  programmi elettorali: tante buone intenzioni messe una dietro l’altra. Del resto costa niente promettere e stilare l’elenco delle cose da fare. Peraltro, nella passata tornata elettorale, ci fu chi fece addirittura il “copia&incolla” del programma elettorale del sindaco di Verona, ricordate?

Le chiacchiere stanno a zero, ma la gente deve pure decidere chi preferire tra Luca e Gianluca.

Chiunque esso sia il nuovo Sindaco, sarà la reale espressione di una città che ha fatto grandi passi indietro negli ultimi decenni. Questo è quello che riesce a esprimere, a offrire: ci si deve accontentare. Neanche con il voto si riuscirà a cambiare qualcosa, purtroppo.

La scelta, dunque, non sarà per il meglio, ovvero indicando il migliore tra i due. Piuttosto si sceglierà il “meno peggio”.

E che Dio ce lo mandi buono.

Ultimi Articoli

Top News

Consiglio dei Ministri approva la Manovra di bilancio 2022

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il “Documento programmatico di bilancio per il 2022”, che illustra le principali linee di intervento che verranno declinate nel disegno di legge di bilancio e gli effetti sui principali indicatori macroeconomici e di finanza pubblica. Il documento, in via di trasmissione alle autorità europee ed al […]

[…]

Top News

Amministrative, Salvini “Non abbastanza bravi a costruire alternativa”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Nelle grandi città abbiamo perso l’occasione di cambiare, abbiamo sbagliato noi, non siamo stati abbastanza bravi a costruire un’alternativa”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ai microfoni di ‘Fuori dal Corò su Rete 4, commentando gli esiti delle elezioni amministrative. Poi lancia una stoccata al segretario del Pd Enrico Letta sull’astensionismo: […]

[…]

Top News

Scontri Roma, Salvini “Lamorgese si prenda le sue responsabilità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quel cretino, quel delinquente, non doveva essere in quella piazza. Perchè ce l’avete lasciato? Ministro si prenda le sue responsabilità, se non l’ha capito che stava succedendo è grave, se l’aveva capito era ancora più grave. Se non sapete isolare 20 imbecille non sapete fare il vostro lavoro”. Così il leader della […]

[…]

Top News

Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono cresciuto leggendo libri basati sui film. Ne ho riletti alcuni e ho pensato: perchè non farlo con un mio film?. C’era una volta Hollywood è piaciuto tanto e avevo tanto materiale anche non montato. E’ vero che è una specie di espansione di un mio film ma è anche un romanzo […]

[…]