Il “caso” delle neonate scambiate alla Malzoni a “Pomeriggio 5” di Barbara D’Urso

Il caso dello scambio dei neonati alla clinica Malzoni di Avellino approda sulle reti Mediaset. Questo pomeriggio il “caso” è stato trattato dalla popolare trasmissione “Pomeriggio 5” condotta in studio da Barbara D’Urso (Clicca qui per vedere il servizio andato in onda).

 Il primario di neonatologia della clinica, il Dott. Angelo Izzo, ha parlato di “un errore umano, rarissimo, mai accaduto”. Il dottor Izzo ha spiegato: “L’identificazione è stata precisa alla nascita, in sala parto. C’è stato un errore, poi, nel posizionare una bimba nella culletta di un’altra, quando sono state portate in camera. E’un fatto che non può succedere, non deve succedere e in 61 anni di attività non era mai avvenuta una cosa del genere con 120mila bambini nati. In questa clinica i controlli sono rigorosissimi”.

Le telecamere Mediaset hanno provato ad intervistare sia la  coppia atripaldese di una delle due bimbe scambiate senza però riuscirci. Nella piazza della cittadina del Sabato hanno però rintracciato lo zio acquisito della mamma, l’avv. Andrea De Vinco, che non ha potuto che confermare l’episodio e liquidare l’episodio come “un fatto increscioso”.

Il ogni caso, stando anche alla nota diffusa dalla Clinica Malzoni, le due donne sono state dimesse ieri mattina con le figlie legittime e, quindi, l’incredibile errore è stato scoperto in clinica e non a casa.

Il fatto è venuto alla luce la sera prima delle dimissioni, dopo due giorni che le bimbe, nate lunedì scorso, avevano trascorso le prime ore di vita fra le braccia di mamme diverse, allattate da mamme diverse, coccolate da amici e parenti che non erano loro e che si sforzavano pure nel ricercare improbabili somiglianze.

Sull’episodio è aperta un’inchiesta interna dalla direzione della struttura sanitaria. Gli atti compiuti  dal personale della Questura intervenuto sul posto, saranno vagliati dalla Procura della Repubblica di Avellino per accertare se vi sia stato dolo. In ogni caso è stata una brutta figura e una pagina negativa per la Clinica privata.

Ultimi Articoli