Campagna vaccinale in Irpinia: annuncio trionfale ma i vaccini dove sono?

Per l’ennesima volta i medici di base hanno dato l’adesione completa alla Campagna Vaccinale in corso sul territorio provinciale. 

lo avevano fatto a metà gennaio e pure il mese dopo, a febbraio. Il rituale incontro, con tanto di protocollo tra la Direzione Generale dell’Asl di Avellino e i rappresentanti dei medici di base della provincia di Avellino si è ripetuto pure l’altro giorno.

LEGGI PURE – Coronavirus, incontro tra Asl e medici di base: adesione completa per la campagna vaccinale

Tutti felici e contenti, si è parlato anche di soldi, di un compenso stabilito per i medici di base a fronte della organizzazione del servizio, per la somministrazione del vaccino ai loro pazienti.

La realtà è terribilmente diversa rispetto ai pomposi annunci che creano solo illusione e disorientamento tra la popolazione. E provocano pure confusione tra gli stessi medici di base, costretti a fornire risposte vaghe e interlocutorie ai propri pazienti.

Come dimostra questa conversazione raccolta presso lo studio di un medico di base.

Dottore, buongiorno: quando devo venire per fare il vaccino?

“Quando avremo i vaccini…”.

Cioè quando?

“Non sappiamo nulla, facciamo tanti accordi bellissimi sulla carta ma nella realtà servono a niente perchè senza vaccino, coe facciamo a varcinarvi?”.

Discussioni del genere se ne registrano a decine presso gli studi dei medici di base, così come le telefonare che raccolgono le segretarie degli stessi medici.

3

E poi: risulta che i medici di base abbiano i frigoriferi da “meno 80 gradi” che costano ventimila euro l’uno? Apparecchiatura indispensabile per conservare il vaccino Pzifer. Oppure i medici di base potranno fare solo l’Astrazenacao addirittura devono aspettare i vaccini Johnson & Johnson?

Nessuno parla di tutto questo?

Solo annunci trionfali, strette di mano e pacche sulla spalla. Meno male che le mascherine “mascherano” (non è un gioco di parole) le facce toste degli stracontenti sottoscrittori dell’accordo.

Siate seri, per fare: sarebbe il caso di smetterla con gli annunci che creano solo illusioni e confusione.

Accordo fatto tra medici di base e ASL?

Bene, benissimo: però fornite le dosi di vaccino ai medici. E spiegate nei dettagli come e quando inizierà concretamente la vaccinazione a cura dei medici di base.

E’ l’unica cosa concreta che si possa fare per non prendere in giro gente che è ormai stressata e stremata.

Lo sono pure funzionari e dipendenti dell’Asl, al pari dei medici?

Bene, ma loro sono pagati anche per questo.

I pazienti no. E pare pure che stiano cominciando a perdere la pazienza. Altro che pazienti…

Ultimi Articoli

Top News

Zucchero, esce l’album “Inacustico D.O.C. & More”

13 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Esce domani (14 maggio) “Inacustico d.O.C. & more”, il nuovo album di Zucchero contenente tutti i brani dell’ultimo disco di inediti “D.O.C.” e una selezione di grandi successi del suo repertorio, riarrangiati in un’inedita veste acustica.Anticipato dai brani “Spirito nel buio” e “L’amore è nell’aria”, si tratta del primo progetto interamente acustico […]

[…]

Top News

Sud, intesa Di Maio-Carfagna per l’internazionalizzazione delle imprese

13 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il ministro per gli Affari esteri e la Cooperazione internazionale, Luigi di Maio, e il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, hanno firmato un protocollo d’intesa che dà avvio a una collaborazione istituzionale volta a rafforzare le misure a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese del Mezzogiorno, anche attraverso la […]

[…]

Top News

BAT investe 20 milioni per l’acquisto di tabacco italiano

13 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Anche per il 2021 British American Tobacco (BAT) Italia sceglie l’agricoltura italiana. In occasione dell’evento “Acquisto di tabacco e filiera sostenibile: l’impegno di BAT per il settore tabacchicolo italiano”, organizzato da BAT e ITALTAB in collaborazione con Confagricoltura e CIA-Agricoltori Italiani, alla presenza anche del sottosegretario per le politiche agricole alimentari e […]

[…]

Top News

Parmigiano Reggiano, vendite +12% rispetto al periodo pre-pandemia

13 Maggio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Il Parmigiano Reggiano chiude il primo trimestre 2021 con le vendite a volume che hanno registrato una crescita del +12% rispetto al periodo pre-pandemia, 8.627 tonnellate contro le 7.704 del 2019, mentre gli altri formaggi stagionati a pasta dura si sono fermati al 5%.“Un dato straordinario se si considera l’impatto del Covid […]

[…]