Avellino, si torna a scuola: il Tar annulla l’ordinanza del Sindaco

Il Tar annulla l’ordinanza del sindaco di Avellino e intima al primo cittadino di riaprire le scuole del capoluogo.

Accolto il ricorso presentato dal legale di un gruppo di genitori degli alunni delle scuole di Avellino.

Ecco la decisione del presidente del Tar, dottore Leonardo Pasanisi.

“Vista l’istanza di decreto cautelare ante causam, proposta dai ricorrenti, visti il provvedimento impugnato e gli altri atti allegati all’istanza in esame; Viste le ordinanze del Presidente della Regione Campania in materia di emergenza sanitaria da Covid-19;

Considerato, quanto al fumus, che appaiono sicuramente sussistenti le dedotte violazioni motivazionali ed istruttorie, dal momento che il provvedimento impugnato non contiene alcun riferimento alle particolari situazioni “di peculiare criticità” che si sarebbero dovute previamente accertare con riferimento al territorio comunale da parte della competente ASL, come imposto dall’ordinanza regionale n. 95 del 7 dicembre 2020 (che riproduce, al riguardo, la medesima prescrizione di cui alle precedenti ordinanze n. 92 del 23 novembre 2020 e n. 93 del 28 novembre 2020);

Considerato, quanto al periculum, che, nel caso di specie, sussistono le prospettate gravissime ragioni di danno, dal momento che con l’ordinanza in esame viene disposta per la terza volta, senza soluzione di continuità rispetto alle precedenti ordinanze, la sospensione dell’attività didattica in presenza della scuola dell’infanzia e della prima classe della scuola primaria (e senza alcuna evidenza sanitaria sulla sussistenza di una situazione di maggiore rischio locale rispetto ad un andamento epidemiologico regionale e nazionale in accertato miglioramento); Ritenuto, pertanto, che, allo stato (e salvo ogni eventuale diversa sopravvenienza o rinnovata valutazione sulla base di specifica istruttoria), la scelta adottata con l’impugnata ordinanza sindacale non appaia giustificata neanche in applicazione del generale principio di precauzione;

Ritenuto, in conclusione, che l’istanza in esame sia fondata e meriti accoglimento;

P.Q.M.
Accoglie la suindicata istanza e fissa il termine perentorio di giorni cinque per la notificazione del presente decreto, a cura dei ricorrenti, alle altre parti.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Speranza “Per alcuni mesi sarà ancora dura”

9 Gennaio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “I vaccini sono la luce, la svolta che apre un’altra fase, ma la verità è semplice. Per avere un impatto il vaccino ha bisogno di mesi e dobbiamo resistere, la battaglia è ancora dura. Dopo sei settimane l’indice rt è scattato sopra 1….La seconda ondata non è mai finita davvero. Adesso c’è […]

[…]

Top News

Vaccino, in Italia oltre 413 mila somministrazioni

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Tocca quota 413.121 il numero delle vaccinazioni somministrate a oggi, secondo i dati sulla piattaforma dedicata e fermi alle 10 di questa mattina. Vaccino inoculato a 259.913 donne e 159.208 uomini. Come sempre il maggiore numero dei destinatari è rappresentato da operatori sanitari (346.092), personale non sanitario (42.691) e ospiti delle strutture […]

[…]

Top News

Altro caso di coronavirus alla Juve, positivo De Ligt

8 Gennaio 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Ancora un caso di coronavirus alla Juventus. Dopo Alex Sandro e Cuadrado, è la volta di Matthijs De Ligt, che salterà dunque la gara di domenica contro il Sassuolo. “Juventus Football Club comunica che, nel corso dei controlli previsti dal protocollo in vigore, è emersa la positività al Covid 19 del giocatore […]

[…]

Top News

Coronavirus, 17.533 nuovi casi e 620 decessi in 24 ore

8 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in leggero calo i contagi da coronavirus in Italia. I nuovi casi, riportati dal bollettino del Ministero della Salute sono 17.533 (ieri erano stati 18.020) a fronte di un numero maggiore di tamponi eseguiti: 140.267 (121.275 quelli effettuati ieri). Il rapporto tamponi/positivi cala quindi al 12,4%. Tornano però a crescere i […]

[…]