Avellino, l’indignazione della cittadinanza: sospesi i lavori per la pista ciclabile

Ma come si può immaginare una pista ciclabile come quella che soltanto menti contorte hanno potuto ideare e tentare di realizzare lungo il meraviglioso viale Italia di Avellino?

L’indignazione è nata spontanea. Decine di cittadini si sono riuniti per protestare per quei lavori orribili.

Le dichiarazioni raccolte durante la manifestazioni sono state unanimi di condanna nei confronti di chi ha ideato, progettato e realizzato tale scempio.

LEGGI PURE – Avellino, pista ciclabile da incubo: ma il progettista è mai andato in bicicletta?

Le domande

Sono tante e necessitano risposte che siamo pronti a ospitare. Domande che rivolgiamo a personaggi e interpreti di questa operetta, i cui nomi potrete leggere nella foto qui sotto.

1 – Partiamo dall’indignazione di politici e consiglieri comunali dell’opposizione: signori, dove eravate mentre si progettava e realizzata questa opera? La vostra attività di “oppositori” è quella di fare le pulci alla maggioranza, controllare ogni virgola. Ora vi indignate al pari dei semplici cittadini? Non va bene, meglio stare zitti.

2 – Sindaco che adesso dice di avere fatto sospendere i lavori per verificare meglio la situazione: finora cosa ha fatto, cosa hanno controllato i suoi assessori, cosa ha osservato durante i lavori – lei stesso – che dice di essere green e quindi attento al verde, alla sosteninilità e altre cavolate con cui si riempie la bocca. Si rende conto di avere fatto una figuraccia, in qualità di primo cittadino?

3 – Assessore ai lavori pubblici geometra Antonio Genovese: dopo non avere azzeccato ogni previsione sulla data di apertura del tunnel (giurava che sarebbe avvenuta a gennaio), ora dovrà giustificare questo scempio. Lei, acclamato assessore Genovese, è uno del mestiere, perlomeno nel suo curriculum risulta che ha un diploma di geometra.

E allora cosa guardava mentre gli operai “scassavano” (così capisce meglio, assessore) la pavimentazione del marciapiede di Viale Italia costata fiori di quattrini? Pure i pensionati che sovrintendono ai cantieri si sono accorti che i lavori erano “a cavolo”.

Lei che è sicuramente più bravo dei pensionati da cantiere, geometra Genovese, dove guardava mentre la pista ciclabile veniva fatta passare attraverso gli alberi, sulle radici dei platani, realizzata in quel modo abominevole? Ma che mestiere fa, l’assessore, il geometra o altro?

4 – Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio: avete la sede in pieno centro, possibile che nessuno dei tantissimi vostri funzionari o semplici impiegati sia passato lungo Viale Italia e rendersi conto dell’obbrobrio che si stava realizzando?

Nessuno ha pensato di verificare se era stato chiesto un parere, per un’opera che deturpa un Viale che fino a pochi anni fa rappresentava il fuore all’occhiello del capoluogo?

5 – Progettista, direttore dei lavori, maestranze della ditta appaltatrice: vi siete resi conto di cosa stavate ideando, progettando, realizzando quest’opera da strapazzo?

Oppure c’era semplicemente la necessità di fare in fretta per spendere i soldi della Comunità Europea e ovviamente farvi pagare parcelle e fatture?

Le risposte

E ora, per favore, rispondete in modo chiaro e forte, evitando il gioco dello scaricabarile perchè avete già “scassato” (così capite meglio, tutti) abbastanza.

Siete tutti responsabili, non potete attribuire gli errori e le eventuali omissioni ad altri.

Siamo pronti a ospitare le risposte, da qualsiasi parte arrivino. Perchè abbiamo bisogno di capire. Da soli, onestamente, non riusciamo a spiegarci come sia possibile che avvenga tutto questo in una città che somiglia sempre più a una masseria gestita a livello agricolo familiare.

Poi passeremo a parlare di altro: tunnel, metropolitana leggera, insediamenti residenziali di amici degli amici e tanto altro che potrà costituire valido materiale per cominciare ad aprire qualche inchiesta giudiziaria.

Non possono restare impunite tante nefandezze. E’ arrivato il momento di fare i conti e pagare.

La cittadinanza è stanca di essere trattata da beota alla quale permettervi di promettere pure un autodromo al Viale Italia. Magari rivedendo il progetto della pista ciclabile: si può fare?

Per sapere a chi chiedere spiegazioni per questo obbrobrio e ricevere risposte, cliccate qui e troverete generalità, titoli di studio e professioni di chi amministra la vostra città.

Ultimi Articoli

Top News

Il posticipo va al Venezia, Aramu stende la Fiorentina

18 Ottobre 2021 0
VENEZIA (ITALPRESS) – Sono 3 punti pesanti in chiave salvezza quelli conquistati dal Venezia, che nel posticipo dell’ottava giornata supera per 1-0 la Fiorentina uscendo momentaneamente dalla zona retrocessione. Dopo un avvio tutt’altro che emozionante è la Viola a creare la prima occasione da rete al 21′ quando Bonaventura ci prova dal limite dell’area ma […]

[…]

Top News

Al Vinitaly qualità e tutela sono le parole d’ordine

18 Ottobre 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Seconda giornata di Vinitaly nella sua Special Edition, con un occhio ai mercati internazionali ma anche a quello interno, oggi sorprendente. In questo settore si assiste a una rivoluzione rosa: le donne sono produttrici e manager nel settore vinicolo, ma soprattutto nel 2021 le wine lovers hanno superato gli uomini passando, secondo […]

[…]

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]