Avellino, la Guardia di Finanza “becca” tre parcheggiatori abusivi: stangata da 10mila euro

I militari della Guardia di Finanza del Nucleo Mobile della Compagnia di Avellino, nel corso di un’operazione effettuata lo scorso fine settimana nei pressi del mercato settimanale del capoluogo irpino volta a contrastare l’attività dei parcheggiatori abusivi, hanno proceduto all’individuazione di tre soggetti, al sequestro del denaro rinvenuto e ad elevare sanzioni amministrative per un totale di oltre 10.000 euro.

I finanzieri confondendosi tra la folla, hanno aspettato che i presunti parcheggiatori chiedessero agli automobilisti la quota relativa alla sosta per poi intervenire. Il codice della strada prevede, infatti, per coloro che esercitano abusivamente l’attività di parcheggiatore, la sanzione amministrativa pecuniaria fino a 3.500 euro e la confisca delle somme percepite.

Nei confronti delle tre persone è scattata, tra l’altro, anche la segnalazione al Prefetto di Avellino. L’attività eseguita si incardina nei quotidiani servizi di controllo del territorio posti in essere dalle Fiamme Gialle di Avellino e dimostra, ancora una volta, che la stessa è finalizzata a contrastare i comportamenti di quei soggetti che deliberatamente non rispettano le regole e si pongono in concorrenza sleale verso gli imprenditori onesti.

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, per Gentiloni economia rallenta ma fiducia nel futuro

27 Ottobre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – La seconda ondata del Covid-19, che ha colpito gran parte dei paesi europei, provocherà sicuramente un ulteriore rallentamento economico. E’ quanto ha sostenuto il Commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, nel corso dell’Intereconomics conference del Ceps. “Le misure che i governi europei hanno dovuto adottare per abbassare la curva, restringendo spostamenti e contatti […]

[…]

Top News

Coronavirus, Renzi “Siamo in maggioranza ma non saremo mai ‘yes man’”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Leggo polemiche sulla nostra semplice richiesta al Premier di rivedere il DPCM. Chiudendo ristoranti alle 18 e chiudendo i luoghi della cultura non diminuiscono i contagiati: aumentano solo i disoccupati. Chiedere di riflettere su basi scientifiche e non su emozioni passeggere è un atto di responsabilità contro la superficialità”. Lo scrive su […]

[…]