Avellino, Festa ha deciso: “Contagi in aumento. Scuole chiuse, è più importante la salute”

Gianluca Festa ha deciso: ad Avellino le scuole resteranno chiuse fino al 6 gennaio: “Mi assumo la responsabilità per tutelare la salute dei nostri figli. L’obiettivo e riaprire a gennaio”, ha dichiarato il Sindaco.

La scelta di tenere chiusi anche gli asili e le prime due classi delle elementari, dopo il via libera della Regione Campania, ha fatto storcere il muso a qualcuno. Ma Festa prosegue: “La scelta non è stata presa a cuor leggero. La didattica a distanza presenta varie difficoltà, le lezioni sono fredde e c’è pochissima empatia tra docente e alunno. Ma oltre all’istruzione dobbiamo pensare alla salute”.

Festa si è detto preoccupato per la curva dei contagi nuovamente in risalita nel capoluogo irpino: “Se a novembre la percentuale tra tamponi e positivi era del 6%, adesso ci attestiamo tra l’8 ed il 10%”. Da qui la decisione di tenere chiuse le scuole per almeno un altro mese.

Ultimi Articoli

Top News

Fonseca “Col Milan vogliamo fare una grande partita”

27 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quello che io ho visto in campo è una grande voglia di fare una buona partita, solo questo”. Paulo Fonseca liquida così le speculazioni sul tabù da big match per una Roma che domenica sera contro il Milan cercherà la prima vittoria in uno scontro diretto in questa stagione. Dopo il 3-3 […]

[…]

Top News

La Sardegna entra in zona bianca, prima regione in Italia

27 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, ha firmato nuove ordinanze che andranno in vigore a partire da lunedì 1 marzo. Passano in area arancione le regioni Lombardia, Marche e Piemonte e in area rossa le Regioni Basilicata e Molise. La Sardegna […]

[…]

Top News

A Limbiate l’ultimo saluto ad Attanasio “Sarai giovane per sempre”

27 Febbraio 2021 0
LIMBIATE (MONZA) (ITALPRESS) – Ultimo saluto di Limbiate, cuore della Brianza, a Luca Attanasio, l’ambasciatore italiano ucciso in un agguato in Congo assieme al carabiniere Vittorio Iacovacci. Il paese di nascita del diplomatico, al quale è stato sempre legato nonostante i suoi impegni in giro per il mondo, si è stretto attorno al feretro avvolto […]

[…]