Avellino, caos ticket all’ospedale Moscati: continua il disservizio

Continua il disservizio all’Ospedale Moscati di Avellino, legato al pagamento del ticket sanitario.

Non è possibile effettuare tale operazione attraverso le apposite macchinette che esistono in tutti i posti del mondo, pure nella repubblica del Burundi.

All’Ospedale Moscati di Avellino, invece, è possibile pagare il ticket soltanto allo sportello dove sono al lavoro persone in numero insufficiente rispetto alle esigenze dell’utenza.

Le foto che vi mostriamo sono quelle di questa mattina ma nei giorni scorsi la redazione di Irpiniaoggi ha collezionato immagini imbarazzanti, con file di decine e decine di persone (distanziamento? possibile contagio?) in fila ad attendere im…pazientemente il proprio turno.

Guardate che fila, distanziamento zero e tutto questo in un presidio ospedaliero dove le misure di contenimento del rischio contagio dovrebbero essere altissime.

Vero, quasi tutti gli utenti sono dotati di mascherina ma non sempre il DPI viene utilizzato in modo corretto.

Ma soprattutto, il distanziamento dov’è? Chi controlla dentro l’ospedale Moscati?

In quest’altra foto è documentato che solo tre sportelli sono in funzione, aperti al pubblico ed abilitati alle operazioni di pagamento.

Non è possibile mettere in funzione anche le altre postazioni?

Cosa risponde la direzione della A.O. San Giovanni Moscati di Avellino?

La fila di persone munita di ricette è infinita, anche solamente transitare nella sala di attesa era difficile, questa mattina, con la guardia giurata impegnata mantenere la calma.

3

Tanti i momenti di tensione e polemiche per questo disservizio.

Cosa dicono i sempre attenti e solerti sindacati dei dipendenti ospedalieri rispetto a questo grave disservizio che interessa, di conseguenza, pure gli operatori addetti al pagamento del ticket?

Basterebbe mettere in funzione un paio di casse automatiche attraverso cui il cittadino possa pagare il ticket ed evitare file inutili.

Ma vuoi mettere il brivido dell’attesa per arrivare allo sportello? Adrenalina allo stato puro.

Molte persone, spazientite, finiscono con il rinunciare al pagamento e alla visita ambulatoriale, rivolgendosi agli studi privati dove – chissà perchè- tutto funziona sempre alla perfezione, in termini di organizzazione e prenotazione.

Con la differenza che, rispetto a una visita da pagare 5 euro, si finisce con il pagamento di 20 volte in più…se tutto va bene.

Cosa volete che siano rispetto alla salute?

Ultimi Articoli

Top News

Harry Styles, online video “Golden” girato sulla Costiera Amalfitana

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Dopo il successo di “Adore You” e “Watermelon Sugar”, Harry Styles torna con il video del suo nuovo singolo, “Golden”, diretto da Ben e Gabe Turner e girato in Italia, sulla Costiera Amalfitana.Il videoclip, a poche ore dalla sua pubblicazione, ha già superato 13 milioni di visualizzazioni.“Golden”, già certificato oro, è contenuto […]

[…]

Top News

Coronavirus, Conte “Momento responsabilità, nessuno soffi sul fuoco”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Abbiamo appena varato un Dpcm con misure più restrittive, ma necessarie. Quel Dpcm è nato da un lungo confronto tra tutte le forze di maggioranza, rappresentate dai rispettivi capi-delegazione. Queste misure non sono in discussione. Piuttosto vanno spiegate a una popolazione in sofferenza, che legittimamente chiede di capire i motivi delle scelte […]

[…]

Top News

Coronavirus, Bonaccini “Sbagliato dividersi, stretta indispensabile”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “In questo momento abbiamo bisogno di tutto, eccetto che dividerci in fazioni”. Lo dice, in un’intervista a Repubblica, il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini che precisa: “Si possono avere sui singoli punti opinioni differenti, io stesso ho invitato il governo a a tenere conto di quanto le categorie stanno chiedendo e a […]

[…]

Top News

Proteste anti Covid da Milano a Napoli, da Torino a Trieste

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Proteste anti Covid da Milano a Napoli, da Torino a Trieste. Ristoratori, barman, piccoli artigiani ma anche rappresentanti del mondo della danza, dello spettacolo e dell’animazione sono scesi in piazza per manifestare il loro disappunto contro gli ultimi provvedimenti adottari per contrastare la pandemia. A Milano due persone sono state fermate dalla […]

[…]