Avellino, bomba al Centro per l’Impiego: due arresti

Questa mattina il ROS, unitamente al Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, ha eseguito 2 misure cautelari in carcere, emesse dal Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo, nei confronti di due indagati gravemente indiziati di aver fabbricato, portato in luogo pubblico e fatto esplodere, in concorso fra loro, per finalità di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico, un ordigno artigianale di
“importante potenziale esplosivo” che causava un significativo danneggiamento al portone blindato del Centro per l’Impiego di Avellino.

Ai due, Ubaldo Pelosi, avelinese di 51 anni, commercialista, e Carmine Bassetti, di 48 anni, viene contestata tra l’altro, l’aggravante terroristico-eversiva.

L’indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli, è stata avviata nel maggio 2020, a seguito della deflagrazione del menzionato ordigno artigianale.

Le investigazioni, quanto alla matrice eversiva dell’attentato, hanno evidenziato come gli indagati fossero simpatizzanti dell’ampia ed eterogenea realtà nazionale avversa ai provvedimenti restrittivi adottati dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da COVID -19.

L’evento delittuoso si colloca quindi in un periodo storico di forti tensioni sociali caratterizzate da proteste di piazza e iniziative di contestazione al potere statuale tanto a livello centrale quanto regionale. A conferma di ciò, è stato accertato che gli indagati avevano aderito all’iniziativa, ascrivibile all’epoca al contesto dei “movimenti spontanei
popolari” ed avente dimensione nazionale, di querelare il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempre per i reati di “attentato contro la costituzione dello stato, abuso d’ufficio e violenza privata”, con riferimento all’adozione dei provvedimenti restrittivi in materia di emergenza pandemica.

Le investigazioni, particolarmente complesse e delicate, oltre ad evidenziare intenti “rivoluzionari” palesati dagli indagati nel corso di manifestazioni pubbliche organizzate nel territorio del Comune di Avellino, hanno dimostrato che gli stessi, nonostante alcune attività di perquisizione avessero disvelato l’esistenza dell’indagine, avevano pianificato un’ulteriore azione violenta, nei loro intenti ancora più pericolosa, che tuttavia non portavano a compimento.

Ultimi Articoli

Top News

Draghi incontra Salvini, Lega “Evitare il ritorno alla legge Fornero”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato oggi pomeriggio a Palazzo Chigi il segretario della Lega, Matteo Salvini. Lo rende noto la Presidenza del Consiglio.Di “lungo e positivo colloquio” parla la Lega, che spiega: “Il leader del Carroccio ha illustrato le sue proposte per rilanciare il Paese e difendere lavoro e […]

[…]

Top News

Renzi “Sul ddl Zan avevamo ragione noi”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul Ddl Zan, Letta apre alle modifiche, come noi avevamo suggerito quattro mesi fa. Bene così, è una scelta che apprezzo. Nessuno fortunatamente ha insultato Enrico, come invece in tanti hanno fatto con noi, quando avevamo posto il tema. La verità è che avevamo ragione: se vogliamo che la legge passi, vanno […]

[…]

Avellino

Blitz antidroga ad Avellino: in manette pregiudicato di 50 anni

25 Ottobre 2021 0

Gli agenti della Mobile di Avellino, hanno tratto in arresto un 50enne pregiudicato avellinese, responsabile di spaccio di droga. I poliziotti, conoscendo già l’uomo come possibile spacciatore, hanno eseguito una perquisizione domiciliare e hanno ritrovato marijuana […]

Top News

Salmo, “Flop” è disco di platino

25 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Il nuovo album di Salmo “Flop” è certificato disco di platino, assieme al singolo “Kumite”, che ottiene oggi la certificazione oro. Il disco, uscito venerdì 1 ottobre, è da tre settimane alla posizione #1 della classifica FIMI degli album più venduti.Un nuovo risultato che va ad aggiungersi alla posizione #1 per “Flop” […]

[…]