Atripalda, anziana di 88 anni invalida: “Ho chiesto da due mesi la vaccinazione all’Asl: aspettano che muoia?”

Emilia compirà 88 a luglio ma ha paura di non potere festeggiare il compleanno. Nonostante l’età, questa signora, lucida e combattiva, sarebbe capace di tenere testa a discussioni con medici e personale dell’Asl.

Non riesce a farlo, però, per assenza di interlocutori.

Telefonate a vuoto, quando va bene si sente il fischio del fax, attese snervanti, litigi in famiglia.

La signora Emilia racconta con dovizia di particolari: “A gennaio mio nipote Carmine ha effettuato la procedura per la richiesta di vaccinazione a mio nome, sulla piattaforma dell’Asl di Atripalda. E’ arrivata la mail dopo pochi giorni, sono stati bravissimi. Il 2 febbraio hanno scritto: le faremo sapere”.

Da quel giorno l’anziana donna ha contato le ore, è allettta da anni. Ha atteso però inutilmente di sentire bussare qualcuno alla sua porta per effettuare la vaccinazione. E allora ha denunciato il caso.

“Sono trascorsi esattamente 51 giorni, quasi due mesi, dalla conferma dell’Asl. Fortunatamente sono ancora viva e mi auguro di esserlo quando qualcuno finalmente deciderà di venire a vaccinarmi oppure di farmi sapere perchè non vogliono farlo”.

La signora Emilia è allettata, non deambula: quando non è a letto, è costretta a stare inchiodata su una sedia a rotelle, dove trascorre la maggior parte delle sue giornate, aspettando e pensando a mille cose.

In casa è assistita dalle due figlie, dai nipoti, tutti impegnati lavorativamente e quindi con la paura che qualcuno di loro possa portare il maledetto virus in casa.

La signora Emilia ha paura e ha perduto la pazienza. Ci ha fatto contattare dal nipote, in redazione, ma a telefono ha voluto parlare lei.

“Devono ringraziare che non posso muovermi, altrimenti sarei andata io all’Asl a farmi vaccinare e dirne quattro a queste persone che non capiscono cosa significhi stare qui con la paura di morire addosso, mentre sei ad aspettare”.

Le figlie hanno provato a contattare gli uffici dell’Asl telefonicamente (0825-293208 e 0825-293242), a mandare pec all’indirizzo distretto.atripalda@pec.aslavellino.it ma inutilmente. “Abbiamo sollecitato pure il nostro medico di famiglia ma lui dice che non può fare niente, perchè dipende solo dall’Asl”, ci spiega a telefono una delle due figlie gemelle.

3

La donna trascorre le sue giornate prevalentemente dinanzi ala tv. Ci racconta un gustoso episodio: “L’altro giorno ho sentito la storia di quella vecchia di 105 anni. Uè, ha 17 anni più di me, posso dire che è vecchia, o no? Non sto offendendo nessuna”, dice con un simpatico vezzo rintuzzando l’intervento della figlia per quella espressione … “vecchia”.

Poi nonna Emilia prosegue: “Ho imparato il nome a memoria di quella anziana, me lo sono segnato su un pezzo di carta: la signora Giuliana ha fatto una intervista per denunciare che da un mese stava aspettando di essere vaccinata. dopo quell’articolo si è scomodato nientedimeno che il generale Figliuolo: si è fatto carico del caso e ha mandato a vaccinare sia la donna che la sua badante”.

Ecco svelato il motivo della sua telefonata in redazione: “Vi ho fatto telefonare, ho insistito io con mio nipote, abbiamo chiamato pure alla Rai ma nessuno ha preso a cuore la situazione. Vorrei avere pure io un trattamento del genere. Ho capito che si deve chiedere le cose ai giornali, alla televisione, altrimenti questi dell’Asl e i medici se ne fregano. Ora aspetto che intervenga qualcuno. Per me va benissimo pure un appuntato dei Carabinieri, non c’è bisogno di un generale, purchè vengano a vaccinarmi prima di morire: chiedo molto?”.

Domani mattina una delle sue due figlie andrà personalmente all’Asl di Atripalda per chiedere spiegazioni, visto che a telefono nessuno risponde, da giorni. “Ho detto a mia figlia che tornare con una risposta, voglio sapere perchè da 51 giorni aspetto di essere vaccinata. Ho tutte le carte a posto e poco tempo da vivere ancora. Se non vorranno darla a lei una risposta, ho ordinato a mia figlia che deve chiamare i carabinieri, farli arrivare all’Asl per sapere tramite perchè non vogliono vaccinarmi. Basta un brigadiere, macchè Generale…”.

Domani sapremo.

Ultimi Articoli

Top News

Vibo Valentia Capitale italiana del libro 2021

7 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Vibo Valentia è stata nominata “Capitale italiana del libro” 2021. Ad annunciare la proclamazione il ministro della Cultura, Dario Franceschini, in diretta sul sito del ministero. E’ stato il presidente della giuria, Romano Montroni, a comunicare al ministro Franceschini la città vincitrice, scelta tra le sei finaliste: Ariano Irpino, Caltanissetta, Campobasso, Cesena, […]

[…]

Top News

Covid, continua il calo dell’incidenza ma l’Rt sale a 0,89

7 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nella settimana dal 26 aprile al 2 maggio continua il calo nell’incidenza settimanale del coronavirus (127 per 100.000 rispetto ai 146 della settimana precedente). E’ quanto emerge dalla bozza del monitoraggio settimanale della cabina di regia Istituto Superiore di Sanità-Ministero della Salute.“Sebbene la campagna vaccinale progredisca sempre più velocemente, complessivamente, l’incidenza resta […]

[…]

Top News

Coni, Malagò “Presenterò il mio programma al consiglio elettivo”

7 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “I candidati avranno uno spazio dedicato ai programmi nel giorno delle elezioni. Io racconterò per bene i miei desideri e quello che cercherò di fare in caso di rielezione ai colleghi del consiglio nazionale. Ci ho lavorato molto e penso sia importante che lo sentano per primi, così avranno un giudizio su […]

[…]