Rocco: “Ora avanti con referendum e battaglia NO triv”

“Troppo spesso ci capita di dover fare i conti con gli impegni traditi da parte di politici nei quali avevamo riposto la nostra fiducia credendo realmente che un cambiamento in meglio fosse possibile. Ebbene questa volta dopo aver condotto un’appassionata campagna elettorale nella quale, a differenza di altri, abbiamo messo al centro della nostra azione politica idee e programmi, come‪ Partito Democratico ed Associazione IDEA Irpinia stiamo realizzando, passo dopo passo, gli impegni presi con i …

“Troppo spesso ci capita di dover fare i conti con gli impegni traditi da parte di politici nei quali avevamo riposto la nostra fiducia credendo realmente che un cambiamento in meglio fosse possibile. Ebbene questa volta dopo aver condotto un’appassionata campagna elettorale nella quale, a differenza di altri, abbiamo messo al centro della nostra azione politica idee e programmi, come‪ Partito Democratico ed Associazione IDEA Irpinia stiamo realizzando, passo dopo passo, gli impegni presi con i nostri concittadini”. E’ quanto afferma Marcello Rocco, coordinatore di Idea Irpinia e componente dell’Assemblea Nazionale del Partito Democratico.
“Siamo fieri di averci messo, come sempre, la faccia, – prosegue Rocco – contribuendo ad eleggere, assieme a tanti altri, ‪‎Rosetta D’Amelio con la quale ieri, in seno al Consiglio regionale che presiede con serietà, siamo riusciti ad ottenere un importante risultato: l’approvazione delle delibere necessarie per dare il via ai sei quesiti referendari che chiedono l’abrogazione di un articolo dello Sblocca Italia e di cinque articoli del decreto Sviluppo relativi alle ‪‎Trivellazioni Petrolifere in ‪‎Irpinia ed in‪ ‎Campania.
Un lavoro che viene da lontano e che grazie all’operato di tutto il PD irpino, coordinato dal nostro responsabile ambiente e comunità Mario Pagliaro, è riuscito a far valere le ragioni dei nostri territori, mortificati da scelte dissennate prese a Roma senza che si tenesse conto delle peculiarità e delle caratteristiche della nostra provincia che, è sempre bene ricordarlo, disseta con il proprio bacino idrico circa cinque milioni di famiglie in tutto il Mezzogiorno d’Italia. Grazie all’approvazione delle suddette delibere a firma di Rosetta D’Amelio, anche i cittadini campani potranno avere la possibilità, attraverso un‪ referendum ad hoc, di pronunciarsi in merito alle trivellazioni decidendo quindi direttamente sulle sorti del proprio presente e futuro!
Quello di martedì non è assolutamente da considerarsi un risultato scontato. Basti pensare, infatti, che fino a qualche tempo fa, con il Centrodestra e la Giunta Caldoro a capo dell’amministrazione regionale, un simile obiettivo sarebbe stato a dir poco impensabile da raggiungere. Nessun trionfalismo ci deve pervadere in questa fase, ma la semplice consapevolezza che la Campania ed il Sud Italia, finalmente, anche grazie alle loro leadership, stanno provando a rimettere al centro degli obiettivi la “Questione Meridionale”, chiaramente rielaborata in chiave contemporanea, partendo dalla tutela e dalla salvaguardia delle proprie risorse e dei propri territori.
La battaglia NO triv rimane per noi qualcosa che non appartiene al singolo partito, associazione o comitato, ma è la battaglia di tutti quegli irpini e campani che vorranno dare con passione il proprio contributo. Le autoreferenzialità strumentali non possono e non devono entrare in contesti così delicati per il nostro futuro. Proprio per dar seguito a quanto detto in precedenza, abbiamo previsto il prossimo 9 ottobre nella Città di Avellino l’iniziativa dal titolo: “Irpinia è Europa – Innovazione, Democrazia, Eguaglianza e sostenibilità Ambientale per costruire la nostra IDEA di UE.” alla quale prenderanno parte l’On. Rosetta D’Amelio e l’europarlamentare PD Andrea Cozzolino”, conclude Rocco.

Ultimi Articoli

Top News

G20, Visco “Attendiamo buone notizie ma crisi non è finita”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La situazione economica e finanziaria, dovrà essere supportata dalla crescita. Ci attendiamo buone notizie dallo sviluppo economico, bisogna essere cauti prima di andare avanti. Non abbiamo parlato di uscita dalla crisi, ma siamo concentrati sulle policy di supporto”. Così Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, in conferenza stampa al termine della riunione […]

[…]

Top News

G20, Franco “Ripresa fragile e iniqua”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Le condizioni dell’economia e della salute restano difficili. Dobbiamo monitorare la situazione e aumentare gli sforzi. I ministri e i governatori delle banche centrali, hanno riaffermato l’impegno ad aumentare il coordinamento internazionale. Ci siamo concentrati su alcune priorità. La ripresa è fragile e iniqua. Ministri e governatori hanno concordato la necessità di […]

[…]

Top News

Coronavirus, 20.499 nuovi casi e 253 decessi in 24 ore

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sfondano quota 20 mila i contagi da covid registrati nelle ultime 24 ore. Esattamente i nuovi positivi, secondo il bollettino del Ministero della Salute, sono 20.499 a fronte di un minore numero di tamponi, 325.404, un dato che fa impennare l’indice di positività al 6,2%. Calano però i decessi, 253, ieri erano […]

[…]

Top News

Franceschini “Il 27 marzo riaprono cinema e teatri in zona gialla”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Cinema e teatri riapriranno il 27 marzo. Lo annuncia il ministro della Cultura Dario Franceschini su twitter: “Il confronto con il CTS e le integrazioni ai protocolli di sicurezza potranno consentire, in zona gialla, la riapertura di teatri e cinema dal 27 marzo, Giornata mondiale del teatro, e l’accesso ai musei su […]

[…]

Top News

Nasce il ministero della Transizione Ecologica

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge “Ministeri”, che riorganizza competenze e strutture di alcuni dicasteri. Nasce così con questo provvedimento il ministero della Transizione ecologica (Mite), che sostituisce il ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare. Ampio l’ambito di azione del nuovo dicastero, che assorbe, oltre […]

[…]