Referendum, Antonacci: vittoria del SI rivendica la democrazia

Referendum, pubblichiamo una nota di Salvatore Antonacci, del coordinamento Territori e Nuove Generazioni: “Quando il 19 maggio dell’anno scorso noi di TERRITORI E NUOVE GENERAZIONI, insieme agli amici di TERRA E LIBERTA’ di Serino, di A’POTEA di Atripalda, di ROSSO FISSO di Avellino, di CGIL e UIL provinciali ospitammo per la prima volta padre Alex Zanottelli per lanciare la campagna di raccolte firme per i quesiti referendari, avemmo la netta sensazione che ognuno di noi nel proprio piccolo avesse la responsabilità di provare a costruire un Italia migliore. L’appuntamento referendario appena conclusosi ha confermato quella sensazione, rappresentando di fatto un momento “storico” della vita sociale della nostra nazione. I quesiti referendari sull’acqua, sul nucleare e sul legittimo impedimento hanno avuto uno straordinario valore ed il superamento del quorum e la vittoria del SI di fatto dà valore a chi rivendica con forza la possibilità di vivere in una nazione democratica, moderna e civile. Vince il popolo italiano, vince l’Italia che non si piega e che ridà un valore incredibile allo strumento referendario che per troppi anni è stato bistrattato ed abusato. Vince l’idea che un’altra Italia è possibile, un’Italia dove l’acqua è e resta un bene comune, un diritto inalienabile dell’uomo, dove il nucleare sarà per sempre bandito e dove finalmente tutti i cittadini, senza distinzione di casta e di ruoli, sono e saranno uguali di fronte alla legge. Oggi è la rinascita di una nazione, attraverso una vera e propria riscossa civile gli italiani, hanno dato una risposta veemente a chi li invitava ad andare a mare; l’elettore medio italiano ha avuto piena consapevolezza del valore di questo voto nonostante ci fosse chi ha tentato di eliminare il quesito sul nucleare e nonostante la continua censura dell’informazione referendaria in TV. L’Italia ha riscoperto di essere uno Stato di diritto e di fronte alla arroganza e al mancato rispetto della Costituzione e delle sue leggi da parte dei suoi governanti ha dato una risposta straordinaria; il voto appena concluso ha rappresentato un vero e proprio argine di difesa contro la pericolosa deviazione populistica e antiliberale di questo governo; è oramai evidente che gli italiani sono stanchi di questo governo grottesco e caciarone. Il vento è veramente cambiato, l’Italia ha bisogno di ricostruire speranze, di rafforzare il senso civico e sociale di appartenenza, di essere una nazione forte e coesa. Grazie italiani, grazie Italia per aver riscoperto oggi che un’altra Italia è possibile!!!”

Ultimi Articoli

Top News

La Sampdoria espugna il Tardini, Parma sconfitto 2-0

24 Gennaio 2021 0
PARMA (ITALPRESS) – La cura D’Aversa continua a non portare la scossa sperata al Parma. Al Tardini la Sampdoria vince 2-0, si porta a quota ventisei punti in classifica e condanna Gervinho e compagni ad un’altra settimana in zona retrocessione. Primo tempo sfortunato per il Parma che colpisce due pali e subisce due gol ai […]

[…]

Top News

La Lazio batte 2-1 in rimonta il Sassuolo, decisivo Immobile

24 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La Lazio non arresta la sua corsa e vince 2-1, in rimonta, in casa, contro il Sassuolo. Gli emiliani erano andati in vantaggio con Caputo al 6′ ma i biancocelesti hanno ribaltato il risultato con un gol per tempo di Milinkovic-Savic al 25′ e di Immobile al 71′. Il Sassuolo fa vedere […]

[…]

Top News

Coronavirus, 11.629 nuovi casi e 299 decessi in 24 ore

24 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 11.629 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 13.331), secondo i dati del Ministero della Salute – Istituto Superiore di Sanità a fronte di 216.211 tamponi effettuati su un totale di 29.893.362 da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore soni stati 299 i decessi per un totale di 85.461 vittime. […]

[…]

Top News

Lozano non basta al Napoli, il Verona vince 3-1 in rimonta

24 Gennaio 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Il Napoli crolla 3-1 contro il Verona al Bentegodi che porta a casa una grande vittoria, per di più in rimonta. Eppure la squadra di Gattuso, reduce dal ko in Supercoppa con la Juve, ci aveva messo poco più di 8 secondi ad andare in vantaggio: dopo il calcio d’inizio Demme lancia […]

[…]