“De Luca chiede contributo a sostenitori.E’ già in bancarotta?”

“De Luca chiede contributo a sostenitori.E’ già in bancarotta?”
“E’ già alla bancarotta?”. Lo domanda il Capo dell’opposizione in Consiglio regionale e capolista del Pdl in Irpinia, Francesco D’Ercole, dopo aver letto sulla stampa di questa mattina che il candidato governatore del centrosinistra Vincenzo De Luca, ha richiesto, via Facebook, ai propri fan di supp…

“De Luca chiede contributo a sostenitori.E’ già in bancarotta?”

“E’ già alla bancarotta?”. Lo domanda il Capo dell’opposizione in Consiglio regionale e capolista del Pdl in Irpinia, Francesco D’Ercole, dopo aver letto sulla stampa di questa mattina che il candidato governatore del centrosinistra Vincenzo De Luca, ha richiesto, via Facebook, ai propri fan di supportare la sua campagna elettorale con un contributo di 2 euro a testa. “Da quando è sceso in campo, ce la sta mettendo davvero tutta per dimostrare che scegliendo lui per estirpare il cancro del bassolinismo, i “professoroni del centrosinistra” hanno prescritto alla Campania una cura addirittura peggiore del male da curare. Da subito ne ha dette di tutti i colori, promettendo tutto ed il contrario. Spesso, per altro, entrando in contraddizione con se stesso. Ha parlato di rispetto delle regole e poi ha assicurato (vedi l’utilizzo dei fondi europei per la riduzione del costo del lavoro e “il me ne infischio del patto di stabilità”) cose che non potrà mai fare, se non violando quelle regole che a parole assicura che vanno rispettate”. “Ha detto – aggiunge – che per evitare la bancarotta bisogna risparmiare, cominciando col cancellare tutto ciò che strizza fondi dalle tasche dei campani, senza portargli alcun giovamento; però, ora, quando siamo ancora a metà strada, chiede ai campani, che Bassolino ha già costretto a pagarsi le medicine per difendere la propria salute, di pagare a lui le spese della campagna elettorale. Alla faccia del cambiamento! A proposito che giovamento ne avrebbero i nostri corregionali?”. “De Luca sostiene – rileva ancora D’Ercole – che dietro di lui, non ci sono “potentati economici”, ma il popolo. Un popolo, però, che, se prima del suo arrivo, sapeva già che chi “è tre volte buono è fesso” ora, grazie a lui se n’è reso conto ancora meglio”. “In verità – sottolinea – De Luca non ha ancora capito, che la Campania non sa cosa farsene delle sue guasconate, non crede alle sue favole, avrebbe voluto sentirgli dire cose concrete su come fare per rilanciare la Campania, la sanità, l‘occupazione, la vivibilità, la sicurezza, come ridurre l’enorme tassazione fiscale ed incentivare investimenti ed imprese, per ridare fiato al mercato del lavoro ed invece si è sentita ripetere continuamente il ritornello del “cambierò tutto, facendo tutto io”. Ed ora, dulcis in fundo si sente anche chiedere un contributo per una campagna elettorale, priva di qualsiasi prospettiva, ma smisuratamente dispendiosa”. “Stia attento De Luca – conclude D’Ercole – che se, come dice, “dietro di lui c’è il popolo”, quel popolo è lì, perché si sta allenando per prenderlo (elettoralmente parlando) a calci”.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]