Pd, Todisco: “E’ accaduto quanto avevamo previsto”

“Senza nessuna presunzione, ma è accaduto quanto avevamo previsto. Avevamo detto che le dimissioni di De Blasio erano una necessità, non rispetto alla mozione di sfiducia, ma rispetto a mesi di scelte sbagliate condivise da una maggioranza tenuta insieme da una colla di interessi venuta meno con le elezioni regionali. Dimissioni necessarie per lo stato di ingovernabilità a cui è stato condannato il partito da queste scelte. …

“Senza nessuna presunzione, ma è accaduto quanto avevamo previsto. Avevamo detto che le dimissioni di De Blasio erano una necessità, non rispetto alla mozione di sfiducia, ma rispetto a mesi di scelte sbagliate condivise da una maggioranza tenuta insieme da una colla di interessi venuta meno con le elezioni regionali. Dimissioni necessarie per lo stato di ingovernabilità a cui è stato condannato il partito da queste scelte.
Il voto in assemblea ha fotografato in modo perfetto questo stato di cose. Al di là di statuti e regolamenti, l’unica regola che vale in un partito, quella della politica, ci dice che il segretario non gode più di una maggioranza per poter governare. D’altronde se 46 componenti dell’assemblea hanno potuto approvare la lista per le elezioni regionali, sembrerebbe strano, se non assurdo, che con 50 voti contrari e 2 astenuti, si possa continuare a fare il segretario come se nulla fosse accaduto.
Ora, è il momento della politica.
Occorre sgomberare il campo da un arroccamento di un segretario che immagini di poter restare senza una maggioranza. Occorre però anche evitare il sospetto che una minoranza possa occupare il partito per via commissariale.
Il PD non può sopportare ulteriormente, e nell’imminenza di una verifica elettorale, uno stato di conflitto permanente, di conta infinita, di diatribe regolamentari e statutarie.
E’ necessario sperimentare la possibilità di soluzioni, per quanto transitorie, condivise, per poi rassegnare al partito un confronto su distinzioni che siano politiche.
Ed esiste una sola proposta che possa farci uscire da questo caos. Le componenti, tutte, quelle che hanno votato la mozione di sfiducia e quelle che hanno deciso di non partecipare al voto, cerchino insieme un percorso che possa garantire al partito un governo “straordinario” in vista delle prossime elezioni amministrative e di complicatissime vicende, dal comune di Avellino fino ai vari enti di servizio. Questa il terreno che prepara la strada a un normale confronto congressuale, con regole che lo garantiscano”. Lo afferma in una nota Francesco Todisco, coordinatore provinciale di “Un senso alla nostra storia”.

Ultimi Articoli

Ariano Irpino

L’ ospedale di Ariano riceve il bollino rosa

2 Dicembre 2021 0

L’Ospedale Frangipane di Ariano Irpino è fra i 354 ospedali italiani che hanno avuto assegnato il bollino rosa per il prossimo biennio. Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, premia il […]

Calcio Avellino

Avellino-Bari: sale la febbre, si va verso il sold-out

1 Dicembre 2021 0

di Dino Manganiello Nelle prime 36 ore di prevendita quasi mille biglietti staccati: più di 600 sponda biancoverde, 350 (ovvero tutti quelli disponibili) per il settore ospiti. E’ la prova inconfutabile di quanto si stia […]

Cronaca

Monteforte Irpino: controlli in un cantiere edile, 9 denunce

30 Novembre 2021 0

I Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino hanno denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica 9 persone, ritenute responsabili dei reati di “falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici”,“falsità ideologica […]