Pd, Palmieri sul caso Saure: “Ennesima minaccia ambientale”

Di seguito la nota di Beniamino Palmieri, Sindaco dI Montemarano, candidato nella lista PD alle Regionali 2015 con Vincenzo De Luca presidente. “Il caso delle Saure, a Caposele, è molto più dell’ennesimo tentativo di scempio ambientale perpetrato a danno di una delle aree più affascinanti dell’Irpinia. Insieme a questo, è soprattutto il nuovo manifesto di un metodo sbagliato di intendere lo sviluppo delle aree interne. Se la facile demagogia del “no a tutto”, troppo spesso, ha rallentato la con…

Di seguito la nota di Beniamino Palmieri, Sindaco dI Montemarano, candidato nella lista PD alle Regionali 2015 con Vincenzo De Luca presidente. “Il caso delle Saure, a Caposele, è molto più dell’ennesimo tentativo di scempio ambientale perpetrato a danno di una delle aree più affascinanti dell’Irpinia. Insieme a questo, è soprattutto il nuovo manifesto di un metodo sbagliato di intendere lo sviluppo delle aree interne. Se la facile demagogia del “no a tutto”, troppo spesso, ha rallentato la contemporaneità nei nostri territori, aprendo solo panorami di sterile retorica, l’interesse esterno per il “Si, per forza” rappresenta, un punto di non ritorno che troppe volte l’Irpinia ha già dovuto subire. Il capannone delle Saure, una costruzione invasiva, da utilizzare, forse, a ritmi decennali, costruita in un contesto ambientale e turistico di alto pregio, diventa l’ennesimo esempio di una sciatteria progettuale, attraverso la quale sostenere l’inerzia d’impresa che, ancora, pretende di applicare soluzioni conformistiche a realtà uniche. Il “caso Saure” va risolto, con il dialogo, con l’impegno e, soprattutto, con l’intelligenza dei professionisti dell’architettura e dell’ingegneria italiana, che il mondo ci invidia. Le soluzioni sono molteplici, dalla diminuzione delle volumetrie di progetto, all’aumento della loro qualità spaziale, alla realizzazione di strutture temporanee e reversibili, fino a pensare alla trasformazione in senso turistico della interessante funzione tecnica che il pozzo delle Saure andrà a svolgere. Tutto quanto è dialogo con la comunità non potrà che portare ad un compromesso di “buon senso”. Tutto, tranne l’ennesima imposizione di nuova inerzia culturale. I tempi ci sono, anche quelli tecnici, per addivenire ad una soluzione non concertata, ma condivisa. Caposele, i bacini imbriferi irpini, già troppo danno alla comunità regionale ed extra-regionale, perché, finalmente, non venga dichiarata la loro centralità e l’indissolubilità del rapporto tra il territorio, le sue comunità e le proprie risorse. Quest’attenzione, oggi, passa anche attraverso le “Saure””.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino concentrato con le ‘piccole’ per la rincorsa

8 Dicembre 2021 0

di Dino Manganiello Adesso è necessario capovolgere quanto fatto finora. Perché dopo aver sottolineato le buonissime prestazioni dell’Avellino contro le migliori dell’attuale classifica, c’è da ricordare, anche se è doloroso, che i biancoverdi hanno perso […]

Cultura ed Eventi

Esiste l’inquilino sicuro: ecco chi è

8 Dicembre 2021 0

Esiste l’inquilino sicuro? Ossia quell’inquilino che non crea problemi di morosità e che garantisce nella massima serenità la rendita di un immobile?Gianluca Russo, Ceo di Solo Affitti Avellino ci ha spiegato come funziona la politica del marchio Solo Affitti , […]

Attualità

A Summonte melodia antistress grazie a tiglio secolare

7 Dicembre 2021 0

Ha più di 240 anni ed è censito nello speciale elenco degli alberi monumentali d’Italia. Oltre a rappresentare da sempre uno straordinario valore estetico e paesaggistico. Ma ora diventa anche strumento “terapeutico”. Si tratta del […]