Patto per lo sviluppo, De Mita: “E’ l’ora delle scelte”

ll vicepresidente della giunta regionale della Campania, Giuseppe De Mita, ha partecipato questa mattina all’incontro promosso dalle Camere sindacali provinciali di Cgil, Cisl e Uil presso il Carcere Borbonico di Avellino dal titolo “Oltre la crisi per il lavoro e lo sviluppo dell’Irpinia”. “L’incontro di stamattina – ha dichiarato il vicepresidente De Mita – assume agli occhi della Regione Campania un rilievo non localistico, ma la rappresentazione concreta e la realizzazione nei fatti del Contratto Campania. La Regione Campania stamattina è qui presente, avendo colto in pieno il rilievo dell’iniziativa. La posizione del sindacato nei mesi scorsi ha risentito delle logiche di necessità con le quali ci siamo misurati. Oggi ci sono le condizioni e si avverte l’esigenza di andare alla ricerca di una modifica dei comportamenti. Oggi è necessario che ognuno di noi svolga il proprio ruolo caricandosi della responsabilità che ha. Qui non c’è stata né una disattenzione né un rallentamento rispetto alle cose che avevamo individuato ad ottobre. E invece, ancora una volta, ci siamo nascosti dietro l’alibi del napolicentrismo come se questa condizione fosse nata oggi e non fosse, invece, una condizione storica che ci siamo trascinati fino ad oggi. La Regione Campania è condizionata dal luogo in cui c’è una grandissima antropizzazione. Questo, però, non può spingerci a chiedere concessioni come area marginale. Abbiamo, invece, il dovere di ribaltare i termini della questione. Dobbiamo trovare un nostro ruolo ed una nostra posizione. Il contesto oggi è mutato ed il cambiamento che c’è stato è stato radicale ed è la stessa Campania ad essersi trovata in una posizione mutata. L’Irpinia ha oggi la possibilità di ritrovare una sua centralità nella prospettiva nazionale. La cosa rilevante è la metodologia che è profondamente cambiata. Oggi si riprogramma la spesa dei fondi comunitari in ragione di intese tra le istituzioni. Non c’è più un centro che decide, ma sono le realtà territoriali che individuano priorità. Questo ci mette nella condizione di giocare un ruolo. Ma questo ruolo ha un senso solo se si compiono delle scelte. Non possiamo restare in una condizione in cui continuiamo a mettere tutto sullo stesso piano. In un periodo di risorse scarse, abbiamo il dovere della scelta. Se non scegliamo, dimostriamo l’incapacità di passare dal piano delle intenzioni a quello dei contenuti e rischiamo di restare fuori da questo processo nuovo che si sta determinando”. Poi il rifermento al Patto per l’Irpinia. “Il Patto – ha continuato il vicepresidente De Mita – conteneva delle cose che sono dentro le decisioni che Governo e Regione Campania stanno assumendo: il Contratto di Programma sull’automotive, quello sull’aerospaziale, l’intervento sulla banda larga. Queste previsioni sono contenute nell’accordo siglato tra le Regioni ed il ministro Barca per l’applicazione del Piano di Azione e Coesione. Abbiamo quindi l’esigenza di intercettare le risorse disponibili decidendo cosa fare sul piano dei fattori produttivi e sul piano delle infrastrutture funzionali” A seguire il passaggio dedicato al turismo. “ Il turismo è una grande partita – ha continuato De Mita – se lo intendiamo come fattore produttivo e non come la malinconia sui luoghi ameni della terra dei padri. Come Assessorato al Turismo disponiamo di settanta milioni di euro per le infrastrutture turistiche per tutta la Campania. Si vuol puntare sul ripristino dell’Avellino- Rocchetta Sant’Antonio per la quale sono necessari sessanta milioni per la rifunzionalizzazione? Solo a condizione che sia il territorio ad individuarla come priorità per lo sviluppo turistico dell’area”. Poi le conclusioni. “La Regione Campania – ha dichiarato De Mita – è pronta a sottoscrivere accordi territoriali puntuali su fattori produttivi che contengano le scelte del territorio – Comuni, Provincia, forze sociali, datoriali, organizzazioni di categoria – Il territorio dica quali sono gli interventi di rilievo che consentano di mettere insieme infrastrutturazione di supporto ai fattori produttivi e la Regione farà la sua parte”. “La vicenda sanità segnala una nostra attenzione ai problemi veri, ma una scarsa considerazione del tempo presente che si vive, se non si comprende che si riapre un pronto soccorso, si mantiene chirurgia, ma si ritiene ancora che il problema sia legato a qualche posto di lungodegenza. Così deprimiamo la credibilità delle giuste pretese che ci sono sul territorio, se alle giuste pretese non corrisponde la capacità di scegliere”. “Abbiamo il dovere di mantenere aperta questione dei forestali che non può essere, però, tenuta fuori da una compartecipazione da parte degli enti locali. Se è un servizio sul territorio e per il territorio, allora dobbiamo costruirlo come tale e questo implica l’avere a riferimento la dimensione territoriale”. “Il passaggio – così ha concluso il vicepresidente De Mita – è prospettare tavoli operativi convocati con immediatezza per entrare nello specifico del possibile e del praticabile, ma senza più chiamare questo processo “Vertenza Irpinia, ma opportunità per la Campania. Questa è la prima occasione di tradurre in atti il Contratto Campania. Dobbiamo essere noi irpini a candidarci ad essere esempio di una modifica di comportamenti, per diventare riferimento e rivendicare così la nostra specificità territoriale agli occhi di tutta la Campania”.

Ultimi Articoli

Attualità

A Summonte melodia antistress grazie a tiglio secolare

7 Dicembre 2021 0

Ha più di 240 anni ed è censito nello speciale elenco degli alberi monumentali d’Italia. Oltre a rappresentare da sempre uno straordinario valore estetico e paesaggistico. Ma ora diventa anche strumento “terapeutico”. Si tratta del […]

Attualità

Covid in Irpinia: 50 positivi. 17 ad Avellino

7 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 917 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 50 persone: – 1, residente nel comune di Aiello del Sabato; – 2, residenti nel comune di Avella; – 17, residenti nel […]

Cervinara

Evade più volte dai domiciliari, 50enne condotto in carcere

7 Dicembre 2021 0

Ristretto ai domiciliari per evasione, aveva più volte posto in essere comportamenti incompatibili con la prosecuzione della misura alternativa a cui era sottoposto. La puntuale refertazione di quanto rilevato dai Carabinieri della Stazione di Cervinara […]

Calcio Avellino

Avellino Bari : i lupi evitano nel finale la sconfitta

6 Dicembre 2021 0

Finisce in parità il monday night della diciassettesima giornata di serie C tra Avellino e Bari 1-1. In vantaggio la capolista con Antenucci al 33′ su rigore , pareggio al 83′ di Kanoutè per i lupi. IL TABELLINOMarcatori: rig. Antenucci 33′, Kanouté […]